contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPORT
comunicato stampa

Calcio: il Riccione ferma l'Ancona, é pareggio al Conero

2' di lettura
565

Nel sabato di Pasqua la sorpresa all’Ancona gliela fa il suo eroe giuda Davide Tentoni. Il suo Riccione pareggia al Conero e gela le aspettative doriche che si ritrovano quarti in classifica e col fiato sul collo di un lanciatissimo Trivento. E per domenica l’ex Guglielmi ha già pronto un tiro mancino. Trillini però ha di che arrabbiarsi.

I suoi buttano due punti. Dominano nel primo tempo, sprecando molto. Si accontentano nella ripresa e vengono puniti. L’avvio è incoraggiante. Genchi dopo due minuti chiama Piagnerelli alla prima parata. Poi tocca a Pesaresi. Il capitano prende la mira su punizione. Al 13° il numero uno ospite si arrangia come può. Al 17° invece è graziato dalla traversa.

Un minuto dopo però è il Riccione ad avere una clamorosa occasione. Stefanelli in spaccata però non inquadra lo specchio dell’Ancona. Al 20° un sinistro di Genchi finisce sul fondo. Ed è il preludio al gol del vantaggio che arriva al 23°. Cross di Patti che attraversa tutta l’area avversaria. Sul secondo palo arriva Kostadinovic per la sua prima rete con la maglia dell’Ancona. Non basta. Perché il croato, schierato da esterno alto, può raddoppiare al 26° incornando un altro cross fotocopia di Patti. E al 31°. Ma in questa circostanza è miracoloso Piagnerelli coi piedi.

Sembra non esserci partita. E invece l’intervallo rigenera il Riccione. Al 4° Stefanelli si presenta solo contro David, ma spreca tutto incredibilmente. Al 22° invece firma il pari. Azione concitata in area dorica. Magnanelli va in percussione, ma si scontra con David. Palla che rimane viva per il ‘nove’ blu che a porta vuota non può fallire. Per l’Ancona è tutto da rifare. E i biancorossi hanno il cuore di ributtarsi in avanti, anche se in maniera arruffona. Al 42° Genchi prova a piazzare di testa. Sull’angolo che ne segue Gagliardini devia sottoporta, senza però centrare la porta ospite. In contropiede è il Riccione a costruire l’occasione della beffa al secondo di recupero. David piomba su Cuttone e lo chiude. Salutato dagli insulti del Conero, Tentoni frena la corsa dell’Ancona.

ANCONA 1905 – 1 David, Gagliardini, Patti, (26′ st. Santoni M), Kostadinovic, Tafani, Pesaresi, Costa Ferreira, Malavenda, Genchi, Ruffini, Ferraro, (34′ st. Cipolla). All. Trillini. a disp. D’Arsiè, Viscuso, Gandelli, Bruno, Santoni E.

RICCIONE 1929 – 1 Piagnarelli, Lepri, (17′ st. Cavoli), Tantuccio, (31′ pt. Politi), Lisi, Savini, Nosari, Ballarini, Magnarelli, Stefanelli, Cuttone, Giampi, (41′ st. Grazhdani). All. Tentoni. a disp. Carioli, Paglialonga, Sartori, Matteoli. Arbitro – Sig. Vaccher di Pordenone Reti – 23′ pt. Kostadinovic, 21′ st. Stefanelli. Note - Ammoniti – Lisi, Nodari, Politi.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2012 alle 23:38 sul giornale del 10 aprile 2012 - 565 letture