contatore accessi free

Confcommercio: Portonovo, 'Più parcheggi, spiaggia più ampia e meno polvere'

Confcommercio Jesi 2' di lettura Ancona 02/07/2012 - Servono più parcheggi, una spiaggia più ampia per i balneari e meno polvere lungo la via d'accesso. "Garantire l'accessibilità a Portonovo". Le imprese della baia non possono rischiare un effetto-rinuncia per i tanti problemi attuali.

Una migliore accessibilità a Portonovo va garantita sin da subito. La Confcommercio Imprese per l'Italia Provincia di Ancona prende posizione nella querelle sorta in baia per varie questioni in particolare per le problematiche di accessibilità che rischiano di condizionare le scelte dei clienti con inevitabili ripercussioni negative, in un momento certamente non facile, per le imprese di Portonovo. "Non possiamo permetterci che i clienti rinuncino ad andare a Portonovo ed a fruire delle varie strutture turistico-ricettive presenti perché c'è un accesso reso difficoltoso soprattutto da mancanza di parcheggi – tuona Massimiliano Polacco direttore della Confcommercio Imprese per l'Italia Provincia di Ancona.

L'attuale amministrazione comunale di Ancona, alle prese da sempre con difficoltà interne che ne condizionano l'operato, deve subito prevedere un pacchetto di provvedimenti a tutela delle imprese di Portonovo e della vivibilità della baia stessa". Polacco entra poi nel merito della questione: "Innanzi tutto – dice –, servono interventi di buon senso per quel che riguarda l'aspetto di accoglienza della baia. Non si possono accettare cadute di stile come il devastante effetto polvere che si ha al passaggio delle auto nel tratto di strada frutto della nuova viabilità e che va ad intaccare un contesto ambientale sempre più gradevole. Quel problema va subito risolto.

Per quanto riguarda l'accessibilità è ovvio che questa fase va gestita con un pò di elesticità. Se il futuro è costituito da un flusso regolato di mezzi in baia si prevedano una serie di misure transitorie che permettano il mantenimento di un equilibrio finché a monte non si troverà una sosta adeguata alle presenze potenziali di Portonovo che deve essere sostenuta da un rafforzato servizio di navetta verso le spiagge.

Siccome ora come ora c'è una carenza a monte si trovino soluzioni in baia magari aumentando la gamma dei permessi per i clienti dei ristoranti che soprattutto all'ora di pranzo rischiano un calo di presenze per una sorta di effetto rinuncia da difficoltà di accesso". Tra le vicissitudini di Portonovo non meno importanza riveste la questione spiaggia con il tormentone ripascimento sì-ripascimento no: "E' evidente che sul ripascimento la valuzione è più complessa – conclude Polacco –, ma è altrettanto chiaro che l'obiettivo è garantire, sia nel breve che nel lungo periodo, la massima operatività alle imprese balneari per cui se serve un ripascimento lo si faccia subito altrimenti si rischia anche in questo caso un durissimo colpo ai fatturati delle imprese balneari e all' intero comparto turistico di Portonovo".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2012 alle 23:19 sul giornale del 03 luglio 2012 - 1398 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, ancona, confcommercio ancona, Confcommercio Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/A7R





logoEV
logoEV