contatore accessi free

Al Palazzo delle Marche arte e poesia per celebrare l'intellettuale Fiore Zuzzori

fiore zuzzori 2' di lettura Ancona 11/07/2012 - Palazzo delle Marche apre le porte all'arte e alla poesia, ricordando la figura enigmatica di Fiore Zuzzori con un evento internazionale che unisce le due sponde dell'Adriatico.

La nobildonna ragusea, vissuta ad Ancona nel tardo Rinascimento, è infatti la protagonista del libro “Fiore e Pietre”, scritto da Claudia Boccolini, e della mostra del Maestro Floriano Ippoliti, presentati nel tardo pomeriggio del 9 luglio nella sede dell'Assemblea legislativa.

“Le radici storiche di Ancona e Ragusa si intrecciano profondamente tra loro – ha detto il Presidente Vittoriano Solazzi – e la figura enigmatica di Fiore degli Zuzzori dimostra che i legami tra le due sponde non furono solo di natura commerciale ed economica, ma anche culturale ed artistica”.

Il volume, edito dal Consiglio regionale, aggiunge nuovi tasselli alla biografia di questa affascinante nobildonna, dopo una prima opera pubblicata nel 2007. Le vite dell'archeologa Claudia Boccolini e di Fiore Zuzzori si sono intrecciate circa dieci anni fa, quasi per caso, a Dubrovnick.

Da allora la ricerca della studiosa marchigiana su questa figura non si è più interrotta e i documenti raccolti presso l'Archivio di Stato di Ancona stanno dimostrando l'assoluto ruolo da protagonista che ha svolto la Zuzzori nel tardo Rinascimento.

Sebbene non esistono, o per lo meno non sono stati ancora ritrovati, suoi scritti autografi, la nobildonna, nata a Ragusa nel 1552 e morta ad Ancona nel 1648, è stata di fatto una delle figure di riferimento della vita culturale dell'epoca.

Bella, intelligente, colta, componente di una delle famiglie più in vista di allora, Fiore è amica e musa ispiratrice di poeti, artisti e scrittori delle due sponde dell'Adriatico.

Tra le pagine del libro la storia si mescola all'arte, grazie ai ritratti femminili e agli scorci dorici del Maestro Floriano Ippoliti, ispirati a questa poliedrica ed emancipata intellettuale. Le opere originali dell'artista saranno esposte al pubblico per una settimana nell'atrio di Palazzo delle Marche.

Nel corso della presentazione, la Vicepresidente Paola Giorgi ha recitato alcuni brani tratti dal volume e il Professor Stefano Papetti, docente di storia dell'arte dell'Università di Macerata, ha sottolineato la personalità eclettica e carismatica della poetessa croata.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2012 alle 18:28 sul giornale del 12 luglio 2012 - 1101 letture

In questo articolo si parla di cultura, ancona, palazzo delle marche, fiore zuzzori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Bu3





logoEV
logoEV