contatore accessi free

Il presidente Marchetti (AnconAmbiente) fa chiarezza sulla posizione dell'azienda

Giorgio Marchetti presidente Anconambiente 2' di lettura Ancona 13/07/2012 - Dopo la diffusione di notizie relative alla lettura delle schede Siquel da verifiche della Corte dei Conti sezione Marche, il Presidente Giorgio Marchetti assieme al Cda di Anconambiente ha deciso di scrivere una lettera aperta per spiegare in maniera obiettiva e puntuale le effettive circostanze riguardanti Anconambiente.

La necessita è derivata dal fatto che le notizie relative ad un giusto procedimento di controllo svolto dalla Corte dei conti è stato da altri strumentalizzato attraverso una errata interpretazione e diffusione del documento Siquel nella parte riguardante Anconambiente. “In una fase così delicata e strategica per le società di pubblici servizi, mentre si cerca cioè di trovare assetti validi per affrontare lo scenario imminente della liberalizzazione, simili notizie incidono molto negativamente sull’identità aziendale”, sottolinea il Presidente.

“Anconambiente è un’azienda pubblica, cioè un patrimonio di tutti i cittadini che va difeso con forza. Una corretta informazione è sicuramente il primo passo”. Nella lettera, indirizzata non soltanto ai Comuni soci ma anche ai dipendenti e ai cittadini (la lettera integrale è pubblicata sul sito), sono state ricostruite le fasi e i passaggi principali che hanno caratterizzato le verifiche del bilancio aziendale del 2010. Il 2009 è stato un anno in forte perdita con oltre 2 milioni di saldo negativo dovuti al passaggio al porta a porta, alla causa inizialmente persa in primo grado con l’ex Direttore Generale e alla riduzione dei proventi (circa la metà) di una partecipata dell’azienda, proprio per questo tuttavia, negli anni successivi è stata prestata molta attenzione per invertire la rotta.

“Siamo sicuramente pronti a collaborare col massimo impegno al monitoraggio del progetto Siquel sui conti delle partecipate degli Enti pubblici per l’anno 2010” afferma il presidente Marchetti “ stigmatizziamo invece l’informazione distorta fornita in taluni casi: sono state stralciate frasi ed analisi di un periodo passato, riportandole invece come se fossero indicative di una situazione attuale”.

Nel ricordare che già nel bilancio dello scorso anno Anconambiente aveva registrato un consuntivo in attivo, il Presidente conclude la lettera rafforzando la convinzione del buono stato di salute dell’azienda impegnata in questi mesi a svolgere il servizio di nuovi comuni nel territorio provinciale. “Non nascondiamo alcune criticità dell’azienda, ben note e più volte portate da noi stessi in evidenza ai soci: criticità che tuttavia derivano dal fatto di svolgere un servizio pubblico attraverso una società che non deve produrre dividenti ma svolgere un servizio di buona qualità, raggiungere gli obiettivi della differenziata con costi contenuti per i cittadini. Cose già fatte qui da noi e che in altre parti d’Italia rappresentano invece un sogno”.

ecco la lettera allegata in pdf.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-07-2012 alle 00:43 sul giornale del 13 luglio 2012 - 1791 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, ancona, Anconambiente, giorgio marchetti, presidente anconambiente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/By1





logoEV
logoEV
logoEV