contatore accessi free

I 'falchi' dell'Idv: Fusco, Filippini e Brandoni, 'Respingiamo il tentativo di barattare il voto favorevole al bilancio in cambio di poltrone!'

idv marche 2' di lettura Ancona 13/07/2012 - Nelle sue recenti dichiarazioni, Favia ha affermato che in un Partito con regole democratiche, dove non ci sono “capi” o “capetti”, le decisioni vanno assunte collegialmente. Favia ha opportunamente ricordato questa regola: è ancora in tutti noi ben presente il reiterato voto di un Consigliere comunale che – allineatosi al tandem Moroder-Pesaresi (oggi entrambi fuori dal Partito) – votò ripetutamente a favore dell’Amministrazione Gramillano benchè allora IdV fosse all’opposizione.

Ciò premesso, giova ricordare che la crisi di febbraio era stata superata su una proposta politico-programmatica ben precisa, fondata:

1. su una diversa politica culturale dei Teatri;

2. sull'unificazione della gestione dei servizi pubblici locali per filiera almeno a livello provinciale;

3. sul rilancio dell’azione amministrativa. Ebbene, su queste basi e con l’ennesima nuova Giunta, stavolta comprendente Giaccaglia e Signorini, l'accordo è stato raggiunto.

Il guaio è che, a quattro mesi di distanza, come ribadito da Favia in maniera perentoria, niente di quel programma è stato realizzato. Alla luce di questo quadro, se la scelta sul bilancio dovesse essere rimessa ai soli Consiglieri, non ci sarebbero dubbi: noi concordiamo pienamente con il giudizio espresso da Favia e, in maniera assolutamente conseguente, riteniamo che non ci siano le condizioni (politiche; programmatiche; di legittimità amministrativa) per votare il bilancio.

Ma poiché, come ha giustamente ricordato Favia, è il Partito e non solo il Gruppo consiliare a decidere, tale scelta sarà rimessa anche alle istanze decisionali del Partito dove – è però evidente – non si potrà non tenere conto della posizione della maggioranza dei Consiglieri comunali, i quali ricevono il mandato direttamente dai cittadini.

Del resto, è bene ricordarlo, anche alla luce delle spaccature del PD e delle diversificate e molteplici posizioni degli altri Partiti alleati di governo, IdV non ha ancora assunto alcuna decisione in ordine alla condotta da tenere sul bilancio stesso (e non potrebbe essere altrimenti, visto che tra rinvii, ritiri, nuovi buchi ed emendamenti vari, non si ha nemmeno il testo definitivo della manovra, né un quadro politico di riferimento chiaro).

Respingiamo, infine, il disgustoso e squallido tentativo (da chiunque proveniente) di barattare un voto favorevole al bilancio in cambio di poltrone.

I firmatari:

Bruno Brandoni (Responsabile Regionale Dipartimento Lavoro IdV)

Alessandro Fusco (Consigliere Comunale IdV)

Andrea Filippini (Vice-Segretario Provinciale IdV di Ancona).






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-07-2012 alle 12:02 sul giornale del 14 luglio 2012 - 1110 letture

In questo articolo si parla di politica, italia dei valori, ancona, david favia, idv, andrea filippini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Bzs





logoEV
logoEV