contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Perilli (Pd): sui fatti accaduti a Foresi, 'Piena solidarietà'

3' di lettura
1044

stefano perilli
Viviamo un tempo in cui fare politica in maniera “tradizionale”, dunque credendo ed impegnandosi in un Partito, è spesso raccontato, e dunque anche percepito, come sinonimo di scarsa affidabilità e di dubbia moralità, tanto che nell'immaginario di molti è solo nel movimentismo di ultima generazione che si può ritrovare lo spirito altruistico ed il senso del bene comune, mentre chi milita ed opera in un Partito, e magari attraverso questo impegno è eletto e rappresenta i cittadini nelle Istituzioni, lo fa certamente per interesse personale, perché di certo “ci guadagna”, e dopotutto “amministrare” non è sicuramente ritenuto un impegno paragonabile ad un qualsiasi lavoro, per cui il compenso eventualmente riconosciuto è ormai da molti cittadini percepito come del tutto immeritato.

Ma cosi' non è, e se questa è la vulgata imperante, la responsabilità principale è della politica, che spesso non ha saputo contrastare al proprio interno le derive immorali tipiche, ad onor del vero, di qualsiasi realtà sociale, ed invece quando ha in sé degli esempi positivi stenta a riconoscerli e a comunicarli ai cittadini. Nella nostra città abbiamo tanti amministratori capaci ed armati di sani principi, nel partito democratico come in altre forze politiche; la cronaca di oggi racconta di un amministratore PD, Stefano Foresi, “storico” Presidente della seconda circoscrizione che da mesi subisce intimidazioni a causa di un impegno tenace e costante della sua Amministrazione, teso a garantire la convivenza in un quartiere difficile ed in forte fase di trasformazione come quello del Piano S. Lazzaro.

Mesi di lavoro costante con l'aggiunta (umiliante), di un taglio netto al proprio trattamento economico sull'onda di una discutibile operazione di riduzione dei c.detti “costi della politica”, quando invece un uomo che si impegna tutto il giorno e sette giorni su sette per gli altri è, in realtà, un investimento per l'intera collettività. L'azione portata avanti dalla seconda circoscrizione è infatti riconosciuta ed apprezzata da tanti cittadini, ma è anche “scomoda”, perché contrasta certi eccessi e si fa carico delle emergenze sociali, togliendo ossigeno a chi, sull'emergenza e sul conseguente conflitto sociale ci lucra.

Leggere di queste intimidazioni deve far riflettere tutti: la politica sa esprimere amministratori che si impegnano anche rischiando la propria incolumità, ma questo impegno, se isolato e non riconosciuto, rischia di scemare, assieme alla riduzione dei livelli di rappresentanza dei cittadini, ad iniziare proprio dalle Circoscrizioni, tasselli importanti nel sistema di governo della città. Nel mio ruolo voglio quindi ringraziare ed esprimere solidarietà ed appoggio a Stefano Foresi, e con lui a Susanna Dini e Massimo Mandarano, in rappresentanza di tutti coloro che in politica spendono il loro tempo per gli altri, senza tornaconti personali e spesso in silenzio, subendo oltretutto critiche ed attacchi il più delle volte ingenerosi e pretestuosi.



stefano perilli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-09-2012 alle 20:15 sul giornale del 15 settembre 2012 - 1044 letture