contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Dipendenze, un incontro in Comune tra Asur e amministrazione per incentivare la prevenzione

3' di lettura
800

gioco d'azzardo
Un incremento di nuove tipologie di diffusione delle sostanze, specie nei giovani, di nuove dipendenze quali il gioco patologico associato a nuove forme di disagio sociale giovanile e adulto, fino all’aumento di situazioni di criticità sociale, vecchie e nuove, collegate alla crisi economico-sociale in corso, che ne aumenta la frequenza e ne aggrava le conseguenze.

E’ questo il quadro che il Direttore del Dipartimento delle Dipendenze Asur 2, Dr. Adriano Baldoni, ha dipinto ieri al sindaco Fiorello Gramillano e agli assessori Adriana Celestini al Welfare e Roberto Signorini alla Sicurezza, nel corso dell’incontro che si è svolto in Comune per affrontare diverse problematiche relative alla prevenzione, cura e riabilitazione delle Dipendenze Patologiche al fine di rafforzare la già forte integrazione tra il servizio socio-sanitario con le competenze sociali del Comune e gli altri organismi coinvolti.

In particolare, le azioni di Comune e Asur si concretizzano nella promozione della salute e di prevenzione primaria nelle scuole superiori di primo (ex medie) e secondo grado rivolte a adolescenti, famiglie ed operatori della scuola. Le attività di prevenzione secondaria vengono attuate attraverso la precoce intercettazione di comportamenti iniziali di uso di sostanze psicotrope legali ed illegali, nonché della presa in carico di soggetti caduti nelle “nuove dipendenze”, es. gioco patologico, internet ecc.

Le attività di prevenzione terziaria, ovvero la riduzione del danno, coinvolgono soggetti che da molti anni vivono la tossicodipendenza o l’alcoldipendenza associata a tutte quelle implicazioni ad essa legate di deterioramento sanitario, sociale, giuridico con frequenti comportamenti disfunzionali in determinate aree critiche della città. A questi interventi partecipa anche l’Unità di strada “Il Filo di Arianna” operativa dal 2000 e che prevede la presenza di educatori professionali.

“Affrontare tali complessità richiede una strettissima integrazione tra soggetti istituzionali e non, quali i servizi preposti del Dipartimento Dipendenze Patologiche, l’Unità di Strada del Dipartimento Dipendenze Patologiche, i Servizi Sociali comunali, la Caritas e il privato sociale accreditato. Stringente anche la necessità di collaborazione con gli organismi preposti per l’ordine pubblico. I buoni risultati ottenuti sinora dall’intensa azione di prevenzione – spiega il sindaco Fiorello Gramillano – ci impegnano a rafforzare queste collaborazioni sotto tutti gli aspetti, al fine di garantire un intervento sempre più mirato e efficace”.

“A fronte della situazione di ampliamento di utenza e della tipologia dei soggetti interessati - ha sottolineato il Dr. Baldoni -, esiste anche una larga gamma di interventi possibili, in gran parte già attivati da anni, basata sugli avanzamenti scientifici del settore, alla provata efficacia di interventi integrati ed alla esplosione negli ultimi anni delle conoscenze neuro scientifiche. La condivisione delle reciproche conoscenze, il continuo monitoraggio sociale e sanitario del territorio, la disponibilità reciproca tra Comune e Asur alla co-progettazione, sono elementi indispensabili per il necessario miglioramento degli interventi locali vista la molteplicità dei livelli di assistenza necessari e, non ultimo, il problema delle risorse”.

L’assessore ai Servizi sociali, Adriana Celestini, ha ribadito l’importante ruolo di prevenzione che il servizio ha svolto anche nelle scuole dove si è aperto con i gli studenti un confronto sulle dipendenze e dove è attivo il CIC, lo sportello di ascolto e spesso si procede alla teatralizzazione delle problematiche, favorendo anche il coinvolgimento e il dialogo con le famiglie. L’assessore alla Sicurezza Roberto Signorini ha sottolineato come occorra prevedere la presenza dell’Unità di strada in luoghi maggiormente critici ed ha ipotizzato la possibilità di integrare il servizio con la contestuale presenza in prossimità dell’unità mobile della Polizia Municipale.



gioco d'azzardo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-09-2012 alle 18:41 sul giornale del 21 settembre 2012 - 800 letture