contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Ancona: una raccomandazione '(im)perfetta', la storia di un ex militare passa su 'Radio24'

2' di lettura
1369

dragamine

Era il 1981 quando Enrico, un 54enne anconetano, faceva il militare. Ma grazie ad una 'raccomandazione' riesce ad ottenere il posto vicino casa, ad Ancona. Mentre il suo amico viene spedito a Venezia. A distanza di anni Enrico chiede perdono al suo amico. Ecco la storia di un orgoglioso vongolaro di Ancona raccontata su 'Radio24'.

I suoi figli sono grandi, un ragazzo é al liceo e una ragazza e' più piccola, ma il dispiacere di un ricordo, in particolare una raccomandazione fatta nel periodo del militare ancora non gli da pace nonostanti il tempo passato. Era il 1981 ed oggi a distanza di anni che quel militare, ora un orgoglioso vongolaro di Ancona, Enrico, esce allo scoperto e chiede perdono a quell'amico che dopo lo sgarro non gli ha più parlato.

Erano giovani, entrambi militari con il compito di 'scovare' mine, ma Enrico non ne voleva sapere di andare in Sicilia sul dragamine. Voleva trovare qualcuno che l'aiutasse a ravvicinarsi a casa, ad Ancona. E' così che ha deciso di farsi raccomandare dal nonno grazie ad una conoscenza 'alta' a Roma: un Ammiraglio. Enrico non é mai partito per la Sicilia, ma quel posto lui l'ha sottratto ad un suo amico che per causa sua é stato spedito a lavorare a Venezia con l'aggravante che la fidanzata del giovane amico era perdipiù incinta.

A distanza di anni questa 'raccomandazione' gli é pesata ad Enrico e quell'amico di allora non l'ha più rivisto. Quello che chiede é perdono e spera che anche il suo amico abbia sentito l'appello e che si faccia vivo per ricordare insieme anche i momenti belli della loro esperienza.

Le raccomandazioni in generale dovrebbero far del bene a chi le riceve e del male a chi le subisce. Ma la storia di Enrico, raccontata su Radio 24, ne fa dedurre che la sua é stata "una raccomandazione che non ha fatto del bene né al suo amico, né a lui".



dragamine

Questo è un articolo pubblicato il 29-10-2012 alle 17:47 sul giornale del 30 ottobre 2012 - 1369 letture