Duca: 'Il Partito di Di Pietro è proprietario di Ancona Ambiente?...ma i debiti li pagano i cittadini'

Eugenio Duca 2' di lettura Ancona 02/12/2012 -

Lo squallido mercanteggiamento in atto sulle partecipate dei cittadini rappresenta l'ennesimo atto di antipolica e di malapolitica. Questi signori che trattano i beni comuni dei cittadini di Ancona come un bottino di guerra da spartirsi, sostituendo alla politica il mercimonio. Un patrimonio di investimenti, occupazione e servizi "usati" per appagare le mire del Poltronificio Dorico. Che squallore. Si metta fine a questo scandalo! Le forze sociali, le forze politiche democratiche si facciano sentire prima che sia troppo tardi e che si portino al fallimento e alla svendita i beni comuni, e con essi centinaia di lavoratrici e lavoratori. Prima che "i nostri" li portino allo stesso esito della Fondazione TSM. Si dimetta immediatamente l'intera giunta a partire dal Sindaco. Si nomini un Commissario che rimuova i vertici delle Società partecipate malgestite, basta con il riciclaggio dei soliti noti buoni per tutte le stagioni e per tutte le Società. Basta ai ricatti e all'antipolitica di Gramillano & soci.

Se non lo fanno in Consiglio comunale ogni atto della Giunta verrà soppesato e la prossima settimana chiederò l'intervento del Ministro dell'interno, Anna Maria Cancellieri, per verificare se sussistono le condizioni per lo scioglimento del Consiglio comunale, per gravi e persistenti violazioni di leggi come, ad esempio, la reiterata mancata votazione nei termini degli atti di bilancio, non solo del Comune ma anche delle partecipate. Infine quando Gramillano sostiene che "l'eventuale nomina di Ciotti a Ancona Ambiente non deve scandalizzare nessuno anche perchè alla guida di questa azienda c'era Gianni Giaccaglia, sempre IdV", replico che le Aziende sono di proprietà del Comune, cioè dei cittadini, non di un partito. Ed è scandalosissimo ciò che dice e fa il Sindaco.

Il Sindaco ha comunicato che Ancona Ambiente è stata consegnata al partito di Di Pietro: Ciotti - Giaccaglia e ora di nuovo Ciotti che 2 anni fa era stato sostituito perchè era venuto meno il "rapporto di fiducia". Con il Sindaco per aver sottaciuto un'indagine in corso. Intanto Ancona Ambiente perde. Però le perdite non le paga il partito di Di Pietro ma i cittadini di Ancona ai quali PD - IdV - UdC hanno innalzato l'IMU così tanto che nel 2012 e nel 2013 gli anconitani non vedranno nemmeno la tredicesima mensilità. Ancona Ambiente all'IdV, Prometeo all'UdC, Conero Bus e Ancona Entrate al PD, M&P ai Socialisti.

E intanto si stanno muovendo i grandi disegni per spolpare anche la Multiservizi. Lasciate in pace Ancona. dimettetevi tutti prima di svendere i beni dei cittadini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-12-2012 alle 21:25 sul giornale del 03 dicembre 2012 - 760 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, ancona, sinistra per ancona, Eugenio Duca, Sinistra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GMk





logoEV
logoEV