Berardinelli (Pdl): 'Una appello alle famiglie, controllare quanto si dovrà pagare l'IMU'. Il video

Daniele Berardinelli 3' di lettura Ancona 05/12/2012 - Il consigliere Daniele Berardinelli (Pdl) fa appello alle famiglie e a tutti gli anconetani che si troveranno di fronte all'obbligo di pagare l'Imu: "Controllare da subito per non avere sorprese."

Potrebbe essere davvero una brutta sorpresa quella che i cittadini dovranno pagare entro lunedì 17 dicembre la seconda rata IMU. Mancano pochi giorni alla scadenza e come dice una nota informativa, che appare prima di compilare il calcolo: "I contribuenti dovranno effettuare il pagamento a conguaglio dell'imposta dovuta sulla base delle aliquote deliberate dal Comune entro il 31 ottobre. Unitamente al saldo deve essere versato il conguaglio dell'acconto di giugno versato sulla base delle aliquote nazionali: il saldo si ottiene pertanto ricalcolando il dovuto annuo con le aliquote stabilite dal Comune e sottraendo quanto versato con l'acconto di giugno. Il sistema calcola il dovuto annuo con le aliquote effettive e sottrae l'importo teorico versato con l'acconto di giugno, da confrontare con quanto effettivamente versato dall'utente. In caso di difformità è possibile inserire l'importo effettivo versato. Si invitano i Contribuenti a verificare sempre il regolamento approvato dal Comune di ubicazione dell'immobile. Attenzione: Lo Stato può modificare l'aliquota di sua competenza entro il 10/12/2012 (art. 13 c. 12 bis D.L. 201/2011) In tal caso il calcolo deve essere rivisto."


Già dalla prima rata qualcosa é cambiato: l'aliquota non é più al 4 per mille per la prima casa, ma é passata al 5,5 per mille. Secondo il Consigliere PDL Daniele Berardinelli la seconda rata di dicembre dell'Imu potrebbe essere più amara soprattutto per le famiglie con più figli a carico. La cifrà da corrispondere potrà essere circa il triplo della prima rata.

Il nodo fondamentale della questione starebbe nel fatto che "le detrazioni usufruite nella prima rata andranno moltiplicate con il nuovo calcolo al 5,5 per mille". Questo secondo il consigliere pidiellino potrebbe cambiare le carte in gioco e riservare un'amara sopresa che porterebbe molte famiglie meno abbienti a riservare molte meno risorse ai regali di natale, se non addirittura pensare di non farli.

"Penso alle famiglie con un solo genitore, alle donne divorziate con figli a carico, ai disoccupati, ai cassaintegrati, alle coppie, ai single - ha affermato Berardinelli - e mi chiedo perché non é stata approvata la proposta che avevamo fatto a nostro tempo in Consiglio comunale ovvero di differenziare secondo alcuni precisi criteri l'Imu. Ma questo non é avvenuto..." Ne sono mancate le polemiche nei confronti dell'ex assessore al Bilancio che Berardinelli ha preferito liquidare con un "per fortuna si é già dimesso".

Per fare un esempio: una famiglia con tre figli a carico (minori di 26 anni e residenti) che ha pagato il primo acconto Imu 30 euro si troverà a pagare a dicembre una rata molto più consistente che potrebbe incidere inaspettatamente nel bilancio famigliare di circa 183 euro (con una differenziale della prima rata al 612, 50%). Né meglio potrebbe andare a chi l'Imu non l'ha pagata o é risultata negativa per ovvie detrazioni. Ad es. una famiglia con 4 figli che aveva una cifrà negativa come (-10 euro) per la prima rata ora si troverà a dover pagare 136 euro circa.

Ora l'appello del consigliere Berardinelli va ai cittadini: "Controllare quanto prima quanto si dovrà esborsare per non incappare in spaicevoli soprese: collegarsi al sito del Comune o rivolgersi al proprio commercialista o patronato.

Ecco anche la guida presente sul comune di Ancona per alcune delucidazioni sull'Imu.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2012 alle 23:54 sul giornale del 06 dicembre 2012 - 1290 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, soldi, Daniele Berardinelli, Consigliere Comunale, laura rotoloni, imu, seconda rata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GVH





logoEV
logoEV