'Quando gli elefanti combattono' debutta dopo anni di ricerca

cinema 2' di lettura Ancona 12/12/2012 - “Quando gli elefanti combattono ha debuttato dopo anni di ricerca, ma il nostro impegno per Emergency è appena iniziato”

È andato in scena lunedì, 10 dicembre, in occasione della giornata mondiale dei diritti umani, in anteprima nazionale, QUANDO GLI ELEFANTI COMBATTONO, dedicato a Gino Strada e al coraggioso operato di Emergency. Il lavoro che ha portato Ponte tra Culture alla produzione di questo spettacolo ha origini lontane. L’attrice, Ylenia Pace, interprete del monologo, ha iniziato nel 2009 a richiedere di parlare della questione: “Emergency è sì una realtà conosciuta, ma non sarà mai abbastanza cercare di riverberare la speranza che l’associazione diffonde nei paesi di guerra e non solo. Noi possiamo farlo con il teatro” Gianluca Barbadori coglie la sfida e decide di mettere in scena un testo teatrale che è frutto di un paziente e fedele lavoro di ricerca e documentazione di Matteo Osimani, compiuto sulle parole, i ricordi e le vive testimonianze del chirurgo di guerra e fondatore di Emergency Gino Strada. È questa la genesi di Quando gli elefanti combattono. A conclusione di questi anni di lavoro, ieri sera il debutto del monologo rappresentato con misura, senza eccessi urlati o forzate crudeltà spiattellate sul palco della commozione.

Un racconto lineare, anzi concentrico, visto che la storia si sviluppa in quei cerchi che tanto ricordano i gironi infernali, che da un punto focale si allargano per farci conoscere le varie sfaccettature di Emergency, dalla costruzione degli ospedali di guerra all’umanità riportata in vita, perché guarire nel corpo significa anche sanare lo spirito. Un pubblico attento, silenziosamente rispettoso, non costretto a subire immagini truci, per quanto vere, ma accompagnato con sensibilità in un viaggio immaginario tra i paesi del mondo che la guerra ha martoriato.

Vittime i civili, gli essere umani e i tanti bambini che con quella realtà non dovrebbero aver niente a che fare. Il monologo si conclude con una sorta di confessione in cui Gino Strada racconta la difficile rinuncia a una vita familiare serena e tranquilla per quella necessità di voler aiutare i figli di altri, le vite di gente sconosciuta e lontana. Una moglie e una figlia, pur a distanza, sempre al suo fianco, che hanno capito, sostenuto i suoi sforzi e creduto in lui. Ponte tra Culture, che vede in ieri la fine di un percorso, afferma che questo è solo l’inizio dell’impegno nei confronti di Emergency. http://pontetraculture.wordpress.com/2012/11/25/quando-gli-elefanti-combattono/






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-12-2012 alle 00:37 sul giornale del 12 dicembre 2012 - 1009 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, ponte tra culture

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/G0I





logoEV
logoEV