Fermati ad Ancona sud-Osimo due pluripregiudicati bulgari. Forse appartenenti ad una banda specializzata in furti nei supermercati

Posto di blocco dei Carabinieri 3' di lettura Ancona 16/12/2012 - Fermati allo svincolo Ancona sud-Osimo due pluripregiudicati bulgari. Con molta probabilità sarebbero appartenenti ad una banda specializzata in furti nei supermercati. Con loro refurtiva per oltre 10 mila euro e contanti. I due erano pronti per rimpatriare in Grecia con il bottino che avrebbero reciclato poi in bulgaria.

Erano circa le 17.30, quando i militari della locale Stazione, in collabroazione con i Carabinieri di Offagna, nel corso di un posto di blocco nella frazione osimana dell’Aspio, nei pressi dello svincolo autostradale Ancona Sud- Osimo, che fermavano un veicolo sospetto, una Fiat Punto azzurra di targa estera bulgara. Alla bordo del mezzo due stranieri che alla vista dei carabinieri rallenta la corsa cercava di nascondersi dietro un artoarticolato. Ma la manovra non riusciva e l’autovettura veniva prontamente circondata e bloccata.

Si tratta di due pluripregiudicati bulgari: RUSAKOV Kiril Georgiev, classe 1976, con alle spalle reati specifici contro il patrimonio già denunciato e arrestato in Veneto ed Emilia Romagna, nonché noto alla Forze di polizia. L'uomo si presentava con false generalità e il cognome alias come SHISHKOV. L'altro uomo é invece TODOROV Mariyan Peychev, classe 1977, anche lui conosciuto per reati specifici contro il patrimonio e già denunciato in Veneto. Entrambi, inoltre, senza fissa dimora.

Sottoposti a perquisizione sul posto venivano trovati in possesso di due grossi borsoni con sottofondo a scomparsa nel bagagliaio dell’auto. All’interno prodotti di profumeria e cosmetici di bellezza firmati e di alto valore nonché prodotti vari di igiene femminile e maschile del valore complessivo di €. 10.000,00 con molta probabiltà i frutti di furto.

Addosso ai due pregiudicati bulgari anche due 2 biglietti d’imbarco con partenza dal porto di Ancona per la Grecia e grosse somme di denaro: 1.050,00 eruo e dinari serbi per 2.910,00 e Lev Bulgari per 302. Pertanto, appariva chiaro che i due malviventi dovevano raggiungere il porto di Ancona per potersi imbarcare per la Grecia e da lì poi raggiungere la Bulgaria dove avrebbero riciclato la refurtiva ed il denaro in possesso, per conto di organizzazioni criminali locali.

Dalle immediate indagini, emergeva che i due delinquenti scappavano dall’Abruzzo dopo tre grossi furti di cui due presso il Supermercato “CONAD” di Teramo e presso il Supermercato “GRAN RISPARMIO di Castellalto e l'ultimo nel in un noto Centro Commerciale di Pescara, in corso di accertamento. Non si esclude che i due malfattori facessero parte di una banda specializzata in furti in supermercati. La refurtiva recuperata, il denaro contante e l’autovettura venivano sottoposti a sequestro per la successiva restituzione ai legittimi proprietari e la confisca. I due pluripregiudicati venivano arrestati e sottoposti a Fermo per Ricettazione in concorso. La procura presso il Tribunale di Ancona disponeva poi la traduzione in carcere dei due bulgari nella Casa Circondariale di Montacuto.








Questo è un articolo pubblicato il 16-12-2012 alle 23:14 sul giornale del 17 dicembre 2012 - 861 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, ancona, controlli, posto di blocco, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/HlG





logoEV