Ballanti: la discarica di via Tavernelle da tre settimane non viene rimossa e cresce di volume

Daniele Ballanti 2' di lettura Ancona 24/12/2012 - Domenica, antivigilia di Natale: sono stato, dopo un'altra segnalazione dei cittadini, a fare un sopralluogo per controllare la discarica in via Tavernelle dopo l'ultimo controllo che ho effettuato il 5/12/12, in seguito al quale ho protocollato una richiesta all'Amministrazione chiedendo l'immediata rimozione della discarica, oltre che per via Tavernelle anche per via Marchetti e via Marconi.

Negli ultimi due quartieri le discariche sono state rimosse, mentre in via Tavernelle, di fronte al civico 32 nel parcheggio, non è avvenuta nessuna bonifica. Anzi domenica 23 dicembre ho potuto constatare, come riferito dai residenti, che ai rifiuti precedenti si sono assommati nuovi rifiuti, dimostrando che da almeno 20 giorni Anconambiente non rimuove i rifiuti, probabilmente a causa di mancanza di un sistema di rilevamento e di comunicazione degli operatori con l'Azienda (ogni giorno provvedono a raccogliere le varie tipologie di rifiuti quindi è impossibile che non si siano accorti della mostruosità del degrado). Le fotografie parlano da sole.

E’ partita immediatamente una nuova segnalazione all'Assessore Signorini, al Presidente Mandarano e ad Anconambiente chiedendo la rapida bonifica della discarica. Una delle priorità della nuova Amministrazione sarà certamente quella di interrogarsi se il sistema attuale della raccolta dei rifiuti e dei controlli degli ispettori ambientali, è all'altezza dell’ingravescente situazione di degrado che interessa vaste zone della città. Ancona non è stata mai così sporca, anzi era una città pulita ed ordinata, ma gli ultimi anni qualcosa è saltato.

Oggi il compito degli Amministratori è dare risposte e soprattutto fare fatti. Non è compito dei cittadini inviare segnalazioni e/o richieste di pulizia, e che qualcuno, come faccio io, si faccia garante dell’efficacia ed efficienza dell’operato dell’Azienda, dal momento che parliamo di un servizio pagato dai cittadini e che i cittadini hanno diritto di vivere in una città pulita e non degradata. Ci si aspetta dagli Amministratori competenza, controllo su chi è deputato a svolgere dei compiti affinchè si attuino i servizi con efficacia ed efficienza per conto dei cittadini e soprattutto che si facciano fatti, delle parole la città è stanca!

da Daniele Ballanti Comitato di cittadini di via Torresi e via Seppilli








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-12-2012 alle 18:33 sul giornale del 27 dicembre 2012 - 1415 letture

In questo articolo si parla di attualità, api, ancona, Daniele Ballanti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/HDv





logoEV