Marco Gnocchini (UdC): 'Ancona perde il Conservatorio per coprire i debiti dello Stabile'

Marco Gnocchini, Udc 2' di lettura Ancona 30/12/2012 - "Ancona destinata a perdere anche il Conservatorio musicale a causa di scelte politiche volte a sanare i debiti delle fondazioni culturali e a far pagare ai cittadini la loro dissennata gestione." Commenta così il Capogruppo UdC del Comune di Ancona, Marco Gnocchini.

Mentre il commissario dell’Istituto Pergolesi era costretto ad alzare bandiera bianca per la volontà degli Enti pubblici di non onorare il protocollo d’intesa garantendo i finanziamenti, una delle ultime riunioni di giunta Gramillano deliberava un trasferimento di 700 mila euro a vantaggio di Stabile e Muse dando al tempo stesso l’indirizzo di predisporre una sorta di “lodo salva TSM” per garantirne la sopravvivenza con un con un colpo di spugna sulle responsabilità del passato. Facendo dei semplici calcoli, garantire un anno di funzionamento del Pergolesi ed evitare la chiusura del Conservatorio anconetano, eccellenza musicale ottenuta dopo anni di duro lavoro e di battaglie politiche, sarebbe costato complessivamente meno di un milione di euro per un bilancio comunale che sfiora i 120 milioni di euro; l’Amministrazione Gramillano ha preferito invece stanziare per coprire i buchi dello Stabile oltre 3 milioni di euro, tra finanziamenti diretti e accantonamenti, somme ottenute soprattutto attraverso l’aumento dell’IMU.

La Corte dei Conti ha ripetutamente richiamato nelle sue deliberazioni come la qualificazione giuridica della fondazione non determini l’obbligo di ripiano delle perdite da parte dell’Amministrazione comunale e che dunque il Comune di Ancona non doveva coprire i buchi di bilancio con i soldi dei cittadini bensì sanare le gravi irregolarità segnalate dalla Magistratura contabile.

A conti fatti, dunque, dopo il quasi dissesto dell’Amministrazione comunale, dopo un aumento della tassazione senza precedenti per le famiglie anconetane e dopo le dimissioni del sindaco Gramillano, il capoluogo di regione attenderà che un liquidatore ponga fine ad uno spaccato centenario della sua storia e della sua identità culturale a causa di una politica incapace di far emergere le responsabilità sulle male gestioni del passato e di prendere le decisioni nell’interesse dei cittadini e per il futuro e per la formazione delle giovani generazioni.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2012 alle 19:40 sul giornale del 31 dicembre 2012 - 2969 letture

In questo articolo si parla di attualità, udc, ancona, Marco Gnocchini, Consigliere Comunale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/HLh





logoEV
logoEV