contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
Editoriale

Consiglio comunale: niente voto sulle Fondazioni e mercoledì alle 14 scocca l'ultimo minuto della Giunta Gramillano

4' di lettura
1956

fiorello gramillano

Ancora niente voto sulle Fondazioni in aula di Consiglio comunale: domani la partita definitiva. Alle 14 di mercoledì scocca l'ultimo minuto della Giunta Gramillano. Ma se il Sindaco non deciderà di ritirare le dimissioni. Chissà cosa riserverà la giornata. Ritiro delle dimissioni o voto? Ed intanto...si avvicinano il commissario e le elezioni.

Lunga Giornata in Consiglio comunale martedì si va dalle interrogazioni urgenti fino all'ordine del giorno. Ma non si arriva all'atto fondamentale delle Fondazioni e domani, 16 gennaio, allo scoccare delle 14 "scade" la Giunta Gramillano. Ma chissà se la giornata non ci riserverà sorprese. Pronti gli emendamenti sulla delibera delle Fondazioni.

Intanto nel Consiglio di martedì, dopo l'approvazione di lunedì di un atto salva Pergolesi, i lavori dell'aula vanno avanti. Conti interroga Signorini su turni serali e contratto dei Vigili Urbani. Sulla questione Signorini precisa "Abbiamo fatto un atto di indirizzo con termine febbraio per venire incontro alle esigenze di tutti. Per quanto riguarda il contratto vigili urbani siamo arrivati al 15 febbraio, mentre i sindacati chiedevano il 31 marzo."

Anche il Consigliere Rossi chiede chiarimenti sulla riorganizzazione del personale del Comune. Signorini: "Sul fronte del Comune abbiamo lavorato parecchio con la Dott. Grechi. In questo modello abbiamo razionalizzato la spesa e l'organizzazione. Fondamentale il patrimonio nel sistema di organizzazione. Modello organizzativo creato per far crescere la città."

Duca chiede chiarimenti su consulenze e stime, in particolare sulla convenzione con l'Agenzia delle Entrate. Duca: "In base a quale atto é stata firmata questa stipula, scaduta nel luglio scorso?" Gramillano: "La convenzione é scaduta dopo 2 anni e non é stata rinnovata e le eventuali richieste non sono state fatte in base alla convenzione. Duca: "Credo, e controllerò, che la seconda perizia per la M&B é stata richiesta a convenzione scaduta."

Dopo le interrogazioni urgenti si procedono all'ordine del giorno. E nonostante alcune polemiche dell'opposizione passa il nuovo regolamento sui dehors: Gramillano "Dai i vari confronti tra commercianti e amministrazioni é stata accolta la richiesta di revisione del regolamento. Rivisti anche i procedimenti sanzionatori e l'adeguamento alle nuove norme." Il Dott. Del Pesce illustra in aula a grosse linee i cambiamenti per venire incontro ai commercianti nella difficoltà di adottare le norme previste in Corso Garibaldi causa costi: "Abbiamo semplificato la richiesta di permesso e delle stesse strutture da marzo al 31 dicembre. Dal 1 gennaio al 15 marzo si può occupare la parete del proprio esercizio con tavolini e piantane di piccole dimensioni con un'occupazione di non più di 300 gg l'anno, ma non continue." Ma se non si rispetteranno le regole, allora scatteranno le sanzioni. Il Comune si impegna a ridurre i tempi del rilascio dei permessi. Mentre per quanto concerne i permessi dei locali al Porto se ne occuperà l'Autorità Marittima. Eccezione del Tar sui dehors é il bar giordano: la struttura non occultava la vista delle 13 cannelle.


Si passa alla modifica al regolamento del Consiglio comunale su proposta di Eugenio Duca che passa in aula. Anche se andrà a favore del prossimo Consiglio comunale. Passa anche la proposta di Quattrini (M5S) sulla trasperenza delle spese dei gruppi consigliari. Quattrini: "Giusto che i cittadini conoscano dove vanno a finire i contributi dei gruppi consiliari." Si passa positivamente alla mozione per favorire la mobilità ciclabile firmata da Diego Urbisaglia. Urbisaglia: "Non é vero che in ancona la bicicletta non possa convivere con altri mezzi".

E dopo una carrellata di interrogazioni urgenti e lavori iscritti all'ordine del giorno si chiude poco prima delle 19.30 il Consiglio comunale. Manca all'appello la votazione sull'atto delle Fondazioni Teatrali, quello della ormai nota 'fusione' Muse-Stabile. Un protocollo tra comune e Regione che stando ad alcuni limiterebbe le capacità del comune. Rimandata, dunque, se si voterà, la delibera a domani mattina, 16 gennaio, nella seduta di quello che dovrebbe essere l'ultimo consiglio comunale della Giunta Gramillano. A meno che, se non non si procederà al voto sulle Fondazioni, Gramillano decida di tirar fuori la "minaccia" del ritiro delle sue dimissioni.



fiorello gramillano

Questo è un editoriale pubblicato il 15-01-2013 alle 16:05 sul giornale del 16 gennaio 2013 - 1956 letture