contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Pd: una tavola rotonda con Enrico Letta ad Ancona. Perilli e Lodolini ' Una democrazia è sana se crea stabilità e coesione sociale'

1' di lettura
2310

Letta Enrico ad Ancona, Capolista Pd Marche alla camera

Il Pd della provincia di Ancona e quello della cittadino organizzano un incontro con le Associazioni aderenti a Rete Impresa Italia che si terrà ad Ancona sabato 2 febbraio, dalle 9.00 alle 11.30, presso il centro convegni Conero Break di Ancona in via Albertini 6 (zona Baraccola).

L’iniziativa, organizzata dai Segretari Emanuele Lodolini e Stefano Perilli, cade a pochi giorni dalla mobilitazione di Rete Imprese Italia con l’obiettivo di proseguire il dialogo, discutere insieme le proposte economiche già formulate dal Partito Democratico in termini di sostegno alle imprese e alla produttività. Significativa dunque la scelta dei Democratici di Ancona di caratterizzare da un punto di vista tematica l’avvio della campagna elettorale. Per dare centralità al tema vero, quello dell’economia reale. Assieme ad Enrico Letta, saranno presenti i candidati PD del territorio, il Segretario regionale Palmiro Ucchielli, per un confronto utile a fare il punto sugli aspetti più critici del sistema locale della piccola e media impresa e a ragionare su quali interventi dello Stato potrebbero aiutare il tessuto produttivo locale a recuperare terreno in termini di competitività “sostenibile”.

“Riteniamo infatti – commentano Lodolini e Perilli - che una Democrazia è sana quando è capace di creare stabilità e coesione sociale, concordando tra i vari attori condizioni che permettano a tutti i cittadini di accedere ad un lavoro di qualità, sia dipendente che autonomo, individuale o associato, secondo un modello di sviluppo diverso da quello fin'ora conosciuto, allo stesso tempo più produttivo e più sostenibile socialmente, economicamente ed ecologicamente.



Letta Enrico ad Ancona, Capolista Pd Marche alla camera

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2013 alle 20:01 sul giornale del 31 gennaio 2013 - 2310 letture