contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Parte l'ATA, la provincia di Ancona verso la gestione unitaria delle funzioni amministrative in materia dei rifiuti

1' di lettura
843

provincia di ancona

Un nuovo passo avanti per aumentare ancora di più l'efficienza della gestione del ciclo dei rifiuti. La Provincia di Ancona e i Comuni del territorio provinciale hanno infatti firmato la Convenzione che sancisce la costituzione dell'ATA (Assemblea Territoriale d'Ambito), la quale andrà a sostituire la precedente organizzazione basata su due consorzi di bacino (Cir 33 e Conero Ambiente).

L'ATA svolgerà funzioni di indirizzo, programmazione e controllo delle attività in tema di gestione integrata dei rifiuti, in conformità alla legislazione statale e regionale vigente. In particolare, si occuperà di: redigere e approvare il Piano straordinario d'Ambito e il Piano d'Ambito monitorandone l'attuazione; individuare le modalità di affidamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti; predisporre gli indirizzi per l'organizzazione dei servizi; approvare i bilanci e il piano di riparto delle spese fra i Comuni; determinare la tariffa per la gestione dei rifiuti urbani.

"Abbiamo tagliato un altro importante traguardo - afferma il commissario straordinario delal Provincia di Ancona Patrizia Casagrande - che consentirà di migliorare le già buone performance del nostro territorio nella gestione del ciclo dei rifiuti. Siamo soddisfatti perché fino a oggi la pianificazione provinciale ha dato risultati importanti: un'impiantistica efficiente e all'avanguardia, ma soprattutto la crescita di una cultura ambientale fondata su pratiche di sostenibilità come la raccolta differenziata, il riciclo, il risparmio energetico e l'oculata gestione dei beni comuni. L'obiettivo ora non può che essere quello di estendere e migliorare questi effetti e la costituzione dell'ATA rappresenta lo strumento idoneo a raggiungerlo".



provincia di ancona

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2013 alle 14:36 sul giornale del 02 febbraio 2013 - 843 letture