contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
articolo

Crispiani (Sel): politica, 'Ad Ancona come a livello nazionale serve una radicale discontinuità'

3' di lettura
5646

Crispiani Stefano SEL Ancona candidato sindaco

Incontro pubblico, sabato pomeriggio, al Circolo cittadino di Sel Ancona sui giovani dal titolo: "Trasformazione e Discontinuità. Governiamo il futuro". A parlare, infatti, non solo il candidato alla Camera Edoardo Mentrasti (Sel), ma anche un giovane studente Francesco Rubini, nonché il candidato sindaco di Ancona per Sel Stefano Crispiani. A moderare Alessandro Silvestri di SeL Ancona.

Si riflette e si torna a parlare nel Circolo cittadino di Sel di via Magenta del problema giovanile e della prospettiva limitata di questo mondo. A parlarne uno studente anconetano dell'unimc appertenenete al circolo di Sel. "Abbiamo dati allarmanti- ha affermato Francesco Rubini - per quanto riguarda la disoccupazione giovanile, sul precariato del lavoro, ma anche sulla scuola e sull'università. Il diritto allo studio é stato prosciugato". E sulla città di Ancona lancia la questione da affrontare: "Ancona non conosce di essere una città universitaria".

E dopo il primo barlume di dialogo come la conferenza di stato-regioni, "la situazione - ha continuato Rubini - è quella di una generazione appesa ad un filo. Ed in un asituazione così drammatica tra disagio sociale ed economico dobbiamo cercare di cambiarla. La sfida di Sel é quella di cercare di uscire da un recinto che ci ha messo ai margini. Riportare le nostre istanze in Parlamento." La soluzione non é l'antipolitica di Grillo, stando al giovane studente, quella fatta a suo avviso di "proposte facili" sventolate "in piazza". Non si disdegna, invece, l'apertura alle Liste civiche come quella di Ingroia.

Sulla questione dei Giovani interviene anche il candidato Sindaco Stefano Crispiani: "Sulla scuola e sul lavoro si é perso il concetto - ha asserito Crispiani - di lavoro collegato al futuro. C'é bisogno di politica e di discontinuità. Una politica intesa come arte del fare." Un concetto valido questo sia a livello nazionale che a livello locale secondo Crispiani. Se si guarda ad Ancona, infatti, città reduce da una crisi politico-amministrativa la ricetta per uscire é sempre la politica, ma con discontinuità, una discontinuità radicale. Tante le cose da fare per risollevarla ma non senza precondizioni dice Crispiani: "C'é bisogno innanzitutto di verità - ha dichiarato Crispiani - Ancona é alla seconda chiusura anticipata di due sindacature (Sturani e Gramillano ndr). Quest'ultima amministrazione é stata imbarazzante e non si può far finta che non sia successo niente. Necessario, dunque, cercare un metodo che eviti di ripetere gli stessi errori: tutto va condiviso con i cittadini a partire dai programmi. Necessario inoltre stabilire gli obiettivi e concrete sedi di verifica."

Un problema di cui Ancona, stando a Crispiani, si deve liberare é quello di una città divisa: "La città negli ultimi anni si é espansa in maniera consistente. La comunità vive sempre con maggior distacco la frequentazione dei luoghi storici." Tanti a suo avviso i modi per risolvere questa problematica a partire da "l'investire in un treno urbano che colleghi la zona sud-passo varano. Un modo questo per ridare senso di appartenenza ai cittadini." Così anche sul Turismo e sul problema della Sicurezza Crispiani ravvisa la soluzione in una "città più coesa in grado di controllare sé stessa" dove non servono, né ronde, né esercito.

Necessario ancora secondo Crispiani un cambio di mentalità che apra al turismo, che si riorganizzi parlando di edifici fatiscenti inutilizzati, in particolare quelli del Ministero della Difesa, come ad esempio l'ammiragliato di via Rodi. "Il turismo - ha rimarcato Crispiani - é rimasto all'organizzazione spiccia. Manca la comunicazione. Va costruita una mentalità e va recuperata la cura della nostra città per recuperare a sua volta l'identità." E poi l'urbanistica dice Crispiani: "Ci sono modelli virtuosi da seguire. Ma ci vuole coraggio, ci vuole democrazia, ci vuole politica."



... Crispiani, Mentrasti, Rubini e Silvestri


Crispiani Stefano SEL Ancona candidato sindaco

Questo è un articolo pubblicato il 10-02-2013 alle 18:28 sul giornale del 11 febbraio 2013 - 5646 letture