contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Conerobus e AnconAmbiente: la procura apre una indagine. Per lo Stabile si ipotizza il 'danno erariale'

1' di lettura
4218

Maurizio Mirabella

Conerobus e AnconAmbiente: la Procura apre una indagine. Altra inchiesta dopo quella aperta sull'acquisto dell'ex Angelini. Dopo il buco di bilancio dello Stabile, ora nel mirino anche le partecipate.

Dopo l'indagine aperta su l'acquisto dell'ex Angelini, la Procura della Corte dei Conti di Ancona sta indagando ancora sullo Stabile. Ed ora si ipotizza il 'danno erariale'. Nel mirino dell'indagine anche due partecipate: AnconAmbiente e Conerobus. Sul caso indaga il procuratore Maurizio Mirabella affiancato dai sostituti procuratori Stefano Grossi e Innocenza Zaffini.

Per quanto riguarda lo Stabile, con un buco di bilancio di circa 2,8 milioni di euro, l'indagine si fa strada tra le ipotesi di 'danno erariale' e tra presunti responsabili. E poi nel mirino, ora, anche due Partecipate. Anconambiente di cui sarebbe poco chiaro il bilancio presentato nel 2009. E poi la Conerobus Spa dove sarebbero presenti alcune entrate sospette.

Ed intanto dietro il deficit dello Stabile si potrebbero nascondere ipotetici reati societari. Una pista possibile, già seguita dagli esordi nel luglio scorso, potrebbe essere la possibilità che queste entrate sospette siano servite a rattoppare il bilancio in rosso. Reati, pertanto, contro la PA.



Maurizio Mirabella

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-03-2013 alle 17:49 sul giornale del 25 marzo 2013 - 4218 letture