contatore accessi free

I 199 anni dell'Arma, bilancio Carabinieri Ancona: arresti in aumento. Reato più ricorrente: traffico di stupefacenti

Colonnelli Antonio Amoroso e Luciano Ricciardi 3' di lettura Ancona 04/06/2013 - Il 5 giugno l’Arma dei Carabinieri celebra il 199° Annuale dalla Fondazione. La ricorrenza ha offerto l’opportunità di condividere alcuni dati relativi all’attività operativa dei Carabinieri nella provincia di Ancona. Il Comandante provinciale Antonio Amoroso e il Colonnello Luciano Ricciardi hanno riferito i numeri dell'ultimo anno.

Nel periodo compreso tra il 1 giugno 2012 e il 31 maggio 2013, sono state 5089 le persone deferite all’Autorità giudiziaria, di cui 522 in stato di arresto e 4567 in stato di libertà. I reati perseguiti sono stati 13065, pari al 75,77% del totale dei delitti perpetrati in ambito provinciale. I reati dove sono stati identificati gli autori sono stati 3920 e c’è stato un incremento degli arresti dell’ 1,5%, rispetto al periodo giugno 2011 – maggio2012.

OMICIDI: Due gli omicidi. Lo scorso anno, una persona incapace di intendere e di volere ha ucciso il coniuge e poi, quest’anno, l’assassinio della escort rumena a Numana. “Sull'omicidio della prosituta, abbiamo delle ipotesi che dobbiamo ulteriormente affinare - ha detto Amoroso - d'intesa con la Procura della Repubblica”.

TRAFFICO DI STUPEFACENTI: Il reato più ricorrente è il traffico di stupefacenti. Il porto di Ancona è un posto strategico per il traffico di droga. Parte delle sostanze vengono destinate verso il nord Italia e nord Europa, altre per il consumo nella provincia di Ancona e nelle Marche. Sono 140 le persone arrestate per droga, 277 le persone deferite in stato di libertà e 47,4 Kg. le sostanze sequestrate.

RAPINE: Un risultato consistente riguarda le rapine: sono stati scoperti 34 colpevoli, su 58 rapine. “Spesso si tratta di rapinatori itineranti e di bande, costituite prevalentemente da soggetti dell’est europeo. E’ più difficile trovare il criminale itinerante, e quindi questo risultato per noi è un successo”, ha detto Amoroso.

ESTORSIONI: Il Comandante provinciale ha sottolineato come la sensibilità e la collaborazione dei cittadini sia determinante nella repressione all' illegalità e che, senza il loro aiuto, le forze di polizia possono fare ben poco. Su 26 estorsioni, 22 sono state scoperte.

FURTI: Reato in aumento: 6728 furti consumati, di cui 440 scoperti.

"FASCE DEBOLI": Le forze di polizia danno poi molta attenzione ai reati che si consumano all’interno della dimensione domestica. “Questi fenomeni sono insidiosi perché silenti e perchè vanificano le naturali difese domestiche. Viene vanificato il tradizionale filtro che è dato dalla famiglia”, ha affermato Amoroso.

- Stalking (atti persecutori): 7 le persone arrestate;

- Maltrattamenti: 8 arresti

- Truffe informatiche: 831 consumate, 382 scoperte

MISURE DI PREVENZIONE: Disssuasive e inibitorie nei confronti dei criminali. Sono state istituite delle attività di aggiornamento e di orientamento.

CONTROLLO DEL TERRITORIO: Sono circa 95 le pattuglie su tutto il territorio della provincia di Ancona nelle 24 ore. I servizi a disposizione dell’attività preventiva sono aumentati del 6% rispetto al periodo giugno 2011 – maggio 2012.

ATTIVITA' STRADALE: Non manca l’attenzione alla sicurezza stradale, incrementata nel fine settimana. Ritirate 402 patenti, di cui il 72% per guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti.










logoEV
logoEV
logoEV