contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Fincantieri: rottura trattativa azienda-sindacati. Landini: 'L’azienda vuole avere mano libera sugli orari di lavoro'

1' di lettura
1183

fiom Fincantieri
Dopo la rottura, lunedì sera ad Ancona, della trattativa tra l’azienda Fincantieri e i sindacati sugli orari di lavoro in vista di possibili nuove commesse, oggi i lavoratori dell'impianto hanno dato vita a un'assemblea con il segretario della Fiom Cgil Maurizio Landini.

Chi ha rotto la trattativa è l'azienda - ha detto Landini – proprio quando i rappresentanti Rsu hanno dato disponibilita' a cercare un accordo. L’azienda vuole solo avere mano libera sugli orari di lavoro”. Ieri gli operai avevano consegnato le linee guida per un accordo sindacale, con la disponibilità a nuovi regimi di orario, flessibilità, solidarietà con "specifiche soluzioni condivise rispetto a qualità lavoro, tempi e costi".

L'azienda, dopo quattro ore di riflessione, ha posto le sue condizioni di lavoro: turni di sei ore per sei giorni, pausa a fine turno, 260 ore pro-capite di flessibilità per due anni. Soluzioni bocciate dai sindacati. Secondo gli operai, queste condizioni non rispetterebbero l’accordo del gennaio 2012 e il verbale sottoscritto il 29 giugno successivo e hanno chiesto inutilmente informazioni sul rientro al lavoro degli addetti all’ufficio tecnico. "Siamo disposti ad un accordo – ha concluso Landini - ma i lavoratori non firmano cambiali in bianco ad un’azienda che non vuole un accordo ma solo avere mano libera sugli orari".



fiom Fincantieri

Questo è un articolo pubblicato il 11-06-2013 alle 18:26 sul giornale del 12 giugno 2013 - 1183 letture