contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

D'Angelo: 'Perilli di male in peggio. il Comune non è cosa vostra. Si rispettino i cittadini'

2' di lettura
1947

dr. Italo D'Angelo|

Dopo il pasticcio e le beffe delle convocazioni del Consiglio comunale, a peggiorare la situazione ci si mette pure il PD che “pre-convoca” la maggioranza per lunedì presso la sala giunta del palazzo municipale come se si trattasse di un locale di proprietà dello stesso PD.

Chi ha fatto la richiesta e a chi dal momento che sabato e domenica gli uffici comunali sono chiusi? Il Segretario Perilli è padrone di convocare chi vuole ma non in casa d’altri. In questo caso nella casa comunale che il PD considera invece come “casa propria”.

Durante la campagna elettorale quando la lista civica “La Tua Ancona” chiese ed ottenne dal commissario Corona la sala del Consiglio comunale, per presentare la mia candidatura, versò nelle casse comunali 300 euro Iva compresa. Il PD, che continua ad usufruire del finanziamento pubblico dei partiti, ha pagato la stessa cifra richiesta ad un movimento civico?

In tempi di ristrettezze economiche sarebbe bene che anche i partiti per l’utilizzo di spazi comunali, giacché la sala giunta è a disposizione degli amministratori, versino il regolare canone al Comune oppure facciano tutte le riunioni che desiderano nelle proprie sedi. Quanto alla Presidenza del Consiglio si tratta di una materia di stretta competenza dei Consiglieri, non del Segretario del PD e non del Sindaco che prima dichiara di non impicciarsi delle competenze consiliari poi impone il proprio candidato. Per quanto riguarda il Presidente del Consiglio e le Presidenze delle Commissioni Permanenti Perilli e i suoi devono tenere conto di rappresentare solo il 25% degli anconetani aventi diritto al voto mentre il 75% non si riconosce nel Pd e negli altri partitini che hanno appoggiato il nuovo sindaco. Quei 60mila anconetani che non hanno dato fiducia al Pd meritano un po’ di rispetto!



dr. Italo D'Angelo|

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2013 alle 17:59 sul giornale del 24 giugno 2013 - 1947 letture