contatore accessi free

Significativo passo avanti per Ancona Bene Comune

Stefano Crispiani 2' di lettura Ancona 02/08/2013 - Determinante l'ordine del giorno presentato nel corso del Consiglio Comunale sul Bilancio Comunale dal gruppo consiliare SEL – Ancona Bene Comune, illustrato da Stefano Crispiani in fase preliminare la discussione del Bilancio Comunale che pone la centralità dell'azione politica volta al superamento del PATTO DI STABILITA'.

L' ordine del giorno, è stato sottoscritto da tutti i gruppi e successivamente posto in votazione e approvato all'unanimità.
Motivazione: con l’adozione del patto di stabilità e del complesso di regole UE denominato Six Pack, ed il conseguente congelamento della spesa in persistenza di situazioni debitorie spesso insostenibili, i sindaci e le amministrazioni locali sono costretti ad agire non più da rappresentanti dei cittadini nelle istituzioni, ma da curatori fallimentari, che possono reperire risorse solo tramite la svendita di pezzi interi di territorio e di servizi per finanziarsi. L'atto politico di approvazione di bilancio risulta quindi svuotato di qualunque margine di scelta se non ci si pone in contrapposizione.

Si chiede al sindaco di farsi capofila nei confronti dei comuni limitrofi di un percorso che porti alla cancellazione immediata del patto di stabilità interno, vero cappio al collo dei comuni ormai ridotti alla fame dalla logica rigorista di stampo europeo.

Si chiede al Sindaco di attivarsi a livello nazionale e locale, all'interno dell'ANCI e ovunque sia possibile attraverso un percorso di azione forte di denuncia e di contrasto al progressivo svuotamento di funzione e risorse perpetuato a danno degli Enti locali a favore di politiche di smantellamento dei servizi, la mercificazione dei beni comuni e la dismissione dei beni pubblici.

Grave l'atto che ha visto la bocciatura dell'emendamento proposto da SEL-Ancona Bene Comune, presentato dal consigliere Rubini, contenente la richiesta di non porre in vendita tra l'elenco delle proprietà alienabili la ex-colonia detta “dei mutilatini” nell'area di Portonovo.

L'emendamento era stato sostenuto dai gruppi di opposizione con interventi di Quattrini, Diomedi, Berardinelli, Tombolini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-08-2013 alle 18:24 sul giornale del 03 agosto 2013 - 1842 letture

In questo articolo si parla di lavoro, ancona, SeL, stefano crispiani, Sel - Ancona Bene Comune

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/QfM





logoEV
logoEV