contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Due laureandi dell'Univpm: 'Ecco come può cambiare il funzionamento di una macchinina in modo semplice ed intuitivo'

1' di lettura
1368

Ogni bambino ha i suoi giocattoli preferiti. Non è un azzardo scommettere che tra questi c’è una macchinina giocattolo. "La nostra idea - dice Matteo Mazzanti, laureando all'Univpm - è quella di far capire al bambino come può cambiare il funzionamento di quella macchinina in modo semplice ed intuitivo". Nella foto il modellino realizzato ndr.

"Io - afferma Matteo Mazzanti - e Alessandro Stefanini, laureandi in Ingegneria Informatica e dell’Automazione all’Università Politecnica delle Marche, abbiamo ideato un progetto che si pone l'obiettivo di garantire, anche ad un bambino, la possibilità di progettare, costruire e controllare in modo immediato ed intuitivo una semplice macchina".

Questo è possibile tramite l’ausilio dei “blocchetti intelligenti”: sono dei blocchetti assemblabili (tipo LEGO) il cui comportamento può essere modificato attraverso dei pulsanti. E’ già stato realizzato un prototipo di macchinina che utilizza un blocco batterie e due blocchi motore. Il video del funzionamento del prototipo: http://www.youtube.com/watch?v=KB3uVBQjLeA#t=13

"In questo modo - prosegue Matteo Mazzanti - si offre la possibilità di imparare come funzionano dei meccanismi semplici senza il bisogno di conoscere concetti di programmazione, automazione, meccanica ed elettronica. Si utilizza un apprendimento “trial and error” (ossia “tentativo ed errore”): questo metodo di apprendimento, teorizzato dallo psicologo americano Thorndike, si basa sulla convinzione che ogni tentativo sbagliato porterà un successivo miglioramento. Ogni volta che il bambino sbaglia una configurazione dei pulsanti riproverà di nuovo finché non troverà quella giusta".

Il progetto è candidato al concorso 'BitBumBam'. Se volete sostenerli potete semplicemente votare in questa pagina (http://bitbumbam.it/project_763).



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-11-2013 alle 17:26 sul giornale del 06 novembre 2013 - 1368 letture