contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

I comunisti italiani con gli studenti e i docenti del Pergolesi. Boni: 'L'istituto non deve chiudere'

2' di lettura
1392

Partito dei Comunisti Italiani

Il Pdci di Ancona invita a difendere l’esistenza in Ancona dell’Istituto “Pergolesi”, un’istituzione culturale qualificata della città in campo musicale.

Nato nel 1924 per iniziativa dell’allievo prediletto di Mascagni e di altri musicisti anconetani, il “Pergolesi” ha ottenuto nel 2001 il riconoscimento ministeriale, è pareggiato ai Conservatori di Musica Statali, autorizzato a rilasciare titoli di studio e fa parte in base alla legge 508/99 delle “Istituzioni di Studi di Alta Formazione Musicale” (A.F.A.M.), su cui il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha poteri di programmazione, indirizzo e coordinamento. Emanazione degli enti locali Comune, Provincia e Regione, il “Pergolesi” in Ancona rischia di morire perché i fondi del Comune sono stati tagliati, la Provincia è in via di chiusura e la Regione che i mezzi li avrebbe se ne lava le mani. Così ATA e docenti sono senza stipendio da oltre un anno, e gli studenti non hanno garantito il completamento dei corsi.

Intanto la legge che si doveva approvare a livello nazionale per la statizzazione dei pareggiati langue affogata nella palude parlamentare delle indecenti intese. Accettando senza lotta il disimpegno della Regione per un’istituzione qualificata del Capoluogo, il Sindaco Mancinelli e l'assessore Marasca si stanno adoperando per farlo annettere al Rossini di Pesaro, dichiarando che contribuiranno al mantenimento del Pergolesi, solo se il Ministero accetterà l'accorpamento e destinerà dei fondi al Rossini per tale procedimento… e a ciò pare sia rivolto lo stesso incontro del 5 novembre u.s. fra Marasca e il Ministero che ha convocato l’assessore senza la presenza di studenti e docenti, lasciati senza garanzie.

Ancora una volta dopo aver agitato in campagna elettorale la bandiera di “Ancona capoluogo” Sindaco e PD si accodano supini alle scelte demolitorie dell’Amministrazione Spacca. E’ ora di aprire sul serio una VERTENZA ANCONA, che veda protagonisti direttamente i cittadini su tutte le questioni aperte: dal “Pergolesi” e le altre scuole e istituzioni culturali, alle strutture sociali gravemente carenti al disagio sociale e agli sfratti, al degrado e all’abbandono in cui si continua a lasciare la città.



Partito dei Comunisti Italiani

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-11-2013 alle 21:46 sul giornale del 07 novembre 2013 - 1392 letture