contatore accessi free

Falconara: altri reati per uno degli aggressori del barista. Si aprono per lui le porte di Montacuto. Nè mancano multe a prostitute

1' di lettura 10/11/2013 - Altri reati per uno degli aggressori del barista. Si aprono per lui, tunisino 32enne, le porte di Montacuto. Questa volta a farne le spese un loro connazionale: rapinato. Nè mancano multe a prostitute lungo il fiume Esino.

Nel corso della serata di sabato a Falconara veniva tratto in arresto un uomo. Si tratta di Lassoued Hafed, un 32enne che insieme ad altri due complici, al momento ignoti, si sono dati alla fuga dopo aver aggredito con calci e pugni un proprio connazionale, nonchè rubandogli il portafogli con tanto di giubbotto in pelle ed una catenina.

L'aggressore raggiunto alla vista dei militari lanciava una bottiglia di vetro contro i militari, fortunatamente senza raggiungere nessuno. Recuperata, anche se parzialmente, la refurtiva e restituita alla vittima. Il 32enne era già noto ai Carabinieri di Falconara per vari precedenti, non ultimo quello di un'altra aggressione recente, di qualche giorno fa, ai danni del barista del bar Barrio Gringo che lo aveva ripreso dopo aver fatto pipì su una serranda di un negozio. Questa volta per lui nulla da fare: associato presso il carcere di Montacuto con le accuse di rapina e resistenza a Pubblico Ufficiale.

In ultimo, in ottemperanza all’ordinanza comunale, venivano contravvenzionate tre prostitute di nazionalità rumena che sono state rintracciate mentre si trovavano lungo il fiume Esino, nei pressi della raffineria Api.








Questo è un articolo pubblicato il 10-11-2013 alle 15:44 sul giornale del 11 novembre 2013 - 1692 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, aggressione, vivere ancona, crimine, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/UgJ





logoEV
logoEV
logoEV