contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Genova: pestato a sangue alla stazione di Ancona. La polizia arresta l'autore del gesto

2' di lettura
1856

polfer

Pestato a sangue alla stazione. La polizia arresta l'autore del brutale gesto. La caccia all'uomo della Polizia, dopo una lunga attività di indagine si conclude a Genova. A finire nei guai un 35enne.

Era il tardo pomeriggio del 16 ottobre scorso, quando, nell’atrio della biglietteria della stazione ferroviaria di Ancona davanti a numerosi passeggeri, si consumava una selvaggia aggressione ai danni di un 56enne di nazionalità romena, abitualmente ospite di strutture caritatevoli della città. E' così che, senza apparenti motivi e con una brutalità inusitata, l’aggressore colpiva la vittima con pugni e calci scaraventandolo a terra e colpendolo in testa fino a farlo svenire in un lago di sangue.

Trasportato d’urgenza presso gli Ospedali Riuniti di Ancona era stato preso in cura dal personale medico del Pronto soccorso. Il fatto aveva destato clamore mediatico ed un rilevante allarme sociale, soprattutto riguardo alla sicurezza nella zona della stazione, ma lo stesso Questore Cecere aveva garantito che quanto avvenuto avrebbe presto trovato una risposta. Avviate immediatamente ampie indagini da parte della Squadra Mobile dorica in collaborazione con la Squadra di Polizia Giudiziaria interno alla Polizia Ferroviaria di Ancona.

Tassello dopo tassello, gli investigatori riuscivano a dare un nome all’autore del gesto e dopo averne seguito i suoi spostamenti nelle varie città d’Italia l'uomo veniva arrestato. E' successo nel pomeriggio di mercoledì, a Genova, all’interno della stazione centrale, dove la polizia individuava frmandolo. Si tratta di un 35enne romeno, C.N.G, senza fissa dimora in Italia con alle spalle diversi precedenti per fatti analoghi.

Condotto presso la Questura di Genova e sottoposto agli accertamenti di rito. Ora dovra rispondere all’Autorità Giudiziaria di Ancona, presso la quale è stato deferito, di "lesioni personali aggravate" da futili motivi.



polfer

Questo è un articolo pubblicato il 14-11-2013 alle 14:14 sul giornale del 15 novembre 2013 - 1856 letture