contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

La Tua Ancona: Multiservizi, 'Indirizzi di trasformazione dell'Ente? No la ratificava di un accordo già siglato'

3' di lettura
1125

Italo D'Angelo

Riteniamo inaccettabile quanto avvenuto nel Consiglio Comunale di di venerdì 20, conclusosi al mattino del 21/12 e lo consideriamo un grave attacco alla democrazia.

Noi siamo stati votati quale gruppi di opposizione dal 60 per cento degli Anconetani e venerdì la pseudo maggioranza che governa la Città, dopo aver impedito al Presidente del nostro Gruppo Consiliare di esprimere il proprio parere, come previsto dal Regolamento Comunale, ha perseguito il voto illegittimo di una delibera, impedendo alla opposizione di discuterne gli emendamenti. Entrando nel merito: questa nuova società,già costituita tra Multiservizi ed Estra, tanto cara alla Sindaco Mancinelli ed alla sua giunta, fatta votare d'imperio ai Consiglieri di maggioranza, con l'escamotage giuridico di un consigliere filosofo, stuprando i diritti dei Consiglieri di opposizione, nasce male.

Avevamo smascherato la Giunta, fin dall'inizio dell'assemblea, che l' argomento non riguardava gli indirizzi di trasformazione dell'Ente ,bensì ne ratificava l'accordo già peraltro siglato e pubblicizzato dall'Estra ,avevamo chiesto l'analisi dei conti ed il parere dei Revisori dei Conti.

Vogliamo oggi sapere - data la violenza con cui sono state captate le scelte politiche -quali sono i reali interessi della Città su questa operazione. La partecipata più importante del Comune si accorda con una SPA Toscana e nasce una new Co s.r.l. che di per sè non affascinerebbe nessun commercialista . Insomma vogliamo sapere cosa ci guadagna la città e quanto . Vogliamo sapere come e chi ha scelto il nuovo partner ?! E perché?! Domande legittime che non hanno trovato venerdi risposta odalla Giunta e dal Sindaco e che noi cercheremo ricorrendo anche alle Autorità preposte al controllo degli atti comunali ed al rispetto delle Leggi della Repubblica.

Peccato che a violare queste leggi siano stati esponenti qualificati di un partito che ha nella sigla, un ideale di democrazia. Venerdi questo ideale è stato ampiamente violato per la incompetenza di un Presidente convinto che perché una commissione sia valida basta il numero legale dei partecipanti e non la doverosa notifica di partecipazione a tutti gli aventi diritto a partecipare; un parere che riteniamo anch'esso errato - e che è stato avallato dal Segretario Generale che ha consentito la prosecuzione dell'assemblea del Consiglio. Noi non accetteremo le queste provocazioni.

Noi - volenti o nolenti - continueremo a spenderci per questa Città, incuranti della ottusità di chi reputa il ricorso all'Autorita giudiziaria come una minaccia e senza alcuna remora fa diventare carta straccia i diritti di una Carta Costituzionale scritta dai nostri ( e loro ) Padri. La nostra Sindaca ci dice -oggi - di aver ereditato una città in stato pre agonico. Perché non dice chi ha portato la Città in questo stato? Ieri novella Stamira , oggi dott.Kildare.

Il Movimento civico "La Tua Ancona "



Italo D'Angelo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-12-2013 alle 17:28 sul giornale del 23 dicembre 2013 - 1125 letture