contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Sirolo: 'L'Economia che verrà'. Un incontro con il Prof. Mauro Gallegati

2' di lettura
3338

Mauro Gallegati

L’economia è un ambito che sempre più, in questi anni difficili, è entrato a far parte della nostra quotidianità; basti pensare alla recente diffusione di termini come spread e allo spazio che temi come il lavoro, la spesa pubblica e le tasse hanno conquistato nei mass media, proprio perché percepiti come fondamentali da tutti i cittadini. Per capirne di più il Circolo PD di Sirolo organizza per sabato 25 Gennaio un incontro con il Prof. Mauro Gallegati, docente presso la Facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche, collaboratore del Premio Nobel Joseph Stiglitz e autore del libro “l’Economia che verrà” di prossima pubblicazione.

Il Professor Gallegati parlerà dei motivi per i quali la crisi economica, che attanaglia il nostro Paese, potrebbe non essere una semplice parentesi da cui uscire puntando su aumento della produzione e crescita del PIL, come accaduto in passato e come sostengono molti economisti. L’impatto della tecnologia sulla disoccupazione, la conseguente diminuzione della domanda e il livello di insostenibilità ambientale dei processi attuali potrebbero rendere necessaria una nuova politica economica, anzi, come sostiene il Professore, un nuovo modo di vivere.

Un sistema basato non più sul lavoro e il consumo di merci ma sul benessere e il tempo libero. Un mondo in cui rimodellare le nostre vite e il nostro interagire con gli altri e con l’ambiente. Innovare, privilegiando risorse naturali riproducibili, e ridistribuire la ricchezza con un reddito di cittadinanza vincolato a servizi socialmente utili. Non una decrescita, ma una crescita qualitativa, da perseguire sia a livello nazionale che a livello locale, a cominciare dal nostro territorio e dai nostri Comuni.

L’appuntamento è per Sabato 25 gennaio, ore 17, presso il Circolo Culturale, Piazza V.Veneto, Sirolo.





Mauro Gallegati

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-01-2014 alle 11:11 sul giornale del 23 gennaio 2014 - 3338 letture