contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Lodolini: lettera Aperta a sostegno di Luca Ceriscioli

3' di lettura
1967

onorevole lodolini

Cambiamo il PD per cambiare le Marche. Con Ceriscioli Segretario. Il 2014 si è aperto all’insegna di un Partito Democratico tornato finalmente protagonista, capace di dettare l'Agenda. Questo grazie all’elezione di Matteo Renzi e alla sua iniziativa concreta e coraggiosa che oggi ci consegna l'opportunità di fare in pochi mesi quanto non siamo riusciti a fare in vent’anni.

Il Governo di Enrico Letta non potrà che beneficiare dell’impulso e dell’energia propositiva di un PD guidato da una leadership forte, autorevole e pienamente legittimata dal voto di 3 milioni di persone. Vogliamo mantenere in vita questo grande entusiasmo anche a livello regionale, assieme allo spirito riformista che ha animato il nostro popolo e che ci chiede di assumere un'iniziativa forte anche in Regione. Luca Ceriscioli è candidato alla segreteria regionale del Partito Democratico alle primarie del 16 febbraio. Una candidatura autorevole, inclusiva, sostenuta dai territori. Un Sindaco capace e amato, proprio come Matteo Renzi. Una candidatura nata per unire, non per contrapporre. E lo dico, avendo, insieme a tanti altri, lavorato per tentare di unire. Oggi prendo atto che questa volontà non è poi cosí condivisa.

E allora ai finti unanismi preferisco la chiarezza. E oggi serve chiarezza per affrontare le sfide del presente e del futuro. In questi anni, da Sindaco di una delle città più importanti della nostra Regione e del centro Italia, abbiamo apprezzato la sua competenza e la sua serietà, tali da renderlo tra i Sindaci più apprezzati d'Italia. Sono convinto che potrà essere un ottimo Segretario, in grado di guidare il Partito Democratico delle Marche con autorevolezza e forza, immaginando il futuro del nostro territorio oltre la crisi economica e sociale che ha morso e continua a mordere forte. Vogliamo far sentire forte e chiara la nostra voce, la voce del nostro territorio, il protagonismo della nostra Provincia, ed esprimerci convintamene e in modo pubblico in favore della sua candidatura, figlia non di qualche accordo romano tra correnti di vecchio o nuovo conio o tra pochi dentro quattro mura.

Del resto, quando decisi di sostenere Renzi lo feci proprio per andare oltre l'esasperato correntismo romano. Perché o il Pd è il Partito dei territori o non è. I tempi sono molto stretti e la sfida avvincente. Per questo motivo occorre un forte impegno comune e la più ampia mobilitazione possibile per raggiungere l’ambizioso traguardo. Intendiamo raccogliere le firme a sostegno di Luca fino all’ultimo giorno utile: il giorno in cui si terranno le elezioni primarie.

Per sostenere la candidatura di Luca Ceriscioli, per coordinare al meglio il lavoro e per condividerei ogni informazione,invia un'email di adesione all'indirizzo di posta elettronica: anconaxceriscioli@gmail.com .

Il cambiamento non è mai stato così vicino nella nostra regione. Con Luca Ceriscioli possiamo realizzare, anche nelle Marche, il progetto di un grande Partito Democratico inclusivo e riformista in grado di cogliere lo “spirito del tempo”, d’incoraggiare il cambiamento e non di resistere ad esso nella speranza che tutto cambi perché nulla cambi.

Con Luca possiamo dar vita ad un gruppo dirigente davvero di dimensione regionale, senza escludere nessuno, ma facendo sentire tutti i territori parte integrante e protagonisti di una vera comunità regionale. Per riuscirci, abbiamo bisogno del contributo di tutti: amministratori, iscritti, elettori e simpatizzanti. Mi auguro che anche tu voglia sostenere Luca Ceriscioli ed unirti a questo progetto, sostenendo la sua candidatura e dando vita ad un nuovo Partito Democratico anche nelle Marche a partire dalle primarie del 16 febbraio.

Qui la mozione congressuale di Luca Ceriscioli: http://www.lodolini.it/index.php? option=com_content&view=article&id=728:cambiamo-il-pd-per-cambiare-le- marche&catid=95&Itemid=614



onorevole lodolini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2014 alle 23:01 sul giornale del 28 gennaio 2014 - 1967 letture