Calcio: rigore inesistente e l’attaccante si affida al 'fair play'. Bel gesto di Luca Impiglia

luca impiglia 1' di lettura Ancona 11/03/2014 - L’arbitro concede un rigore inesistente e l’attaccante, riconoscendo l’errore, preferisce calciarlo tra le braccia del portiere. Protagonista il giovanissimo Luca Impiglia.

E’ successo la scorsa settimana al campo dell’Aspio di Ancona, durante la partita tra la Giovane Ancona e il Palombina valida per il campionato Giovanissimi Cadetti. Protagonista dell’esemplare gesto di fair play è stato Luca Impiglia, attaccante classe 2001 della Giovane Ancona, la scuola calcio affiliata all’Ancona 1905 e sponsorizzata dal Gruppo Schiavoni.

Il rigore proprio non c’era, ma invece di approfittarne e tentare la facile via del gol (la sua squadra, tra l’altro, era sotto 1-0), il giovane giocatore biancorosso dal dischetto ha preferito effettuare un passaggio al portiere, che ovviamente ha ringraziato.

Un gesto da “cartellino verde” quello di Luca Impiglia, da anni con la Giovane Ancona (milita stabilmente nella formazione degli Esordienti 2001), in linea con i principi etici della sua società, che da sempre fa del fair play e della lealtà sportiva i punti fermi del suo insegnamento. Peccato che la buona condotta dell’attaccante anconetano non sia stata ripagata dal risultato: alla fine, infatti, ha vinto il Palombina per 5-2.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-03-2014 alle 17:43 sul giornale del 12 marzo 2014 - 2769 letture

In questo articolo si parla di attualità, calcio, ancona, Piano San Lazzaro, Ancona 1905, Asd Giovane Ancona Calcio, luca impiglia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZKM





logoEV