Approvata la legge elettorale. Parte il treno delle riforme

onorevole lodolini 1' di lettura Ancona 12/03/2014 - "Abbiamo approvato la legge elettorale e, senza trionfalismi, sono orgoglioso di aver contribuito con il mio voto". Lo afferma il deputato anconetano del Pd Emanuele Lodolini, componente della Direzione nazionale.

"È il primo concreto passo - ha dichiarato Lodolini - per il cambiamento, per far partire le riforme che servono al Paese. Certamente al Senato saranno necessari alcuni accorgimenti ma che non stravolgano il cuore della riforma. Occorre riconoscere che la determinazione di Matteo Renzi è stata decisiva per approvarla anche in tempi così rapidi, considerati i ritardi pluriennali".

"Erano anni che il Paese attendeva la riforma elettorale. Troppe le occasioni sprecate. Oggi mettiamo un punto importante".


da On. Emanuele Lodolini
parlamentare Pd





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-03-2014 alle 16:58 sul giornale del 13 marzo 2014 - 1543 letture

In questo articolo si parla di attualità, emanuele lodolini, roma, ancona, pd, lodolini, onorevole, deputato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZNO


In italia è proprio vero al peggio non c'è fine.
Dopo il "porcellum", giustamente ritenuto anticostituzionale, il parlamento predispone con la regia di BERLUSCONI una legge che di fatto è anche più devastante.
Infatti non prevede preferenze, come richiesto dalla Suprema Corte, ma aumenta la scelta, per cooptazione, dei segretari di partito e costringe i partiti minori ad "accoppiarsi" necessariamente in "alleanze incestuose" per arrivare almeno al fatidico 12 per cento con singola lista al 4,5 mentre la soglia autonoma diventa del 8% ed è pressoché impraticabile per tutti meno che per le attuali prime tre forze parlamentari: PD, M5S e FI.
Tutti credono che al peggio esiste una fine ma in italia non è così si può comunque andare sotto il peggio e la casta politica ci riesce sempre molto bene. Se prima con LETTA andavamo al passo verso il fallimento e la dittatura ora con RENZI andiamo di corsa. ... ed alla finestra BERLUSCONI ride.




logoEV