Rubini e Crispiani (Sel): 'Espulsione dell'ex occupante di via Ragusa: atto disumano!'

Francesco Rubini 1' di lettura Ancona 12/03/2014 -

Dopo il vergognoso sgombero del 5 febbraio per gli occupanti di via Ragusa sono arrivate le foto segnaletiche, le impronte digitali e le denunce. Poi abbiamo dovuto assistere alla militarizzazione della città e del comune, la casa che dovrebbe essere di tutti i cittadini.

Ma, sottolineano i consiglieri di SEL, "l'espulsione di Maurice e il suo rimpatrio in Nigeria, terra di fame e guerra, assumono veramente i contorni di un atto crudele". "Un essere umano", proseguono i consiglieri fin da subito sostenitori dell'occupazione," a causa della vergogna rappresentata dalla Bossi-Fini e dall'autoritarismo del sindaco colpevole di aver vestito i panni di sceriffo fin da subito, viene rispedito nell'inferno da cui era scappato come se fosse un oggetto ingombrante."

Oggi, concludono Rubini e Crispiani, "ci sentiamo tutti clandestini in un paese ed in una città dove fin troppo spesso ci si dimentica il valore della solidarietà e della fratellanza umana."






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-03-2014 alle 12:30 sul giornale del 13 marzo 2014 - 1200 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, SeL, Consigliere Comunale, Francesco Rubini, Sel - Ancona Bene Comune

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZM5





logoEV