Tre appelli per avere una rappresentanza marchigiana nel Parlamento europeo

Marche ed Umbria nell'Unione Europea 2' di lettura Ancona 18/03/2014 - Le elezioni Europee permettono ai cittadini di scegliere i propri rappresentanti a Bruxelles su liste divise in circoscrizioni. La circoscrizione del Centro Italia comprende Lazio, Toscana, Marche ed Umbria. Le due regioni più popolose riescono però quasi sempre ad accaparrarsi tutti i 16 europarlamentari in palio, lasciando Umbria e Marche senza alcuna rappresentanza in Europa.

La circoscrizione Italia Centrale conta 10.900.000 abitanti. La metà di questi vive e vota nel Lazio (5.587.000). Della restante metà la maggior parte (3.700.000) vive e vota in Toscana. Le Marche contano appena 1.500.000 abitanti e l'Umbria ancora meno, solo 900.000.
Con questi numeri è evidente che i candidati laziali e toscani riescono ad ottenere molte più preferenze di quelli marchigiani ed umbri. Il risultato è che spesso Marche ed Umbria non hanno alcun rappresentante nel Parlamento Europeo.

Per dare anche a Marche e Umbria una giusta rappresentanza è necessario che le due regioni facciano fronte comune.
Per questo la stampa online di Marche ed Umbria lancia tre appelli.

Appello alle forze politiche:
Candidate personalità che possano rappresentare al meglio entrambe le regioni.

Appello ai candidati:
Impegnatevi pubblicamente, una volta eletti, a rappresentare entrambe le regioni. Mantenete contatti con Enti locali, associazioni di categoria, e organi di informazione di entrambe le regioni. Sottoscrivete pubblicamente questo impegno lasciando alle redazioni dei sottoscrittori i vostri recapiti.

Appello agli elettori:
Esprimete due preferenze, una ad un candidato umbro ed una ad un candidato marchigiano.

La rappresentatività al Parlamento Europeo di ogni regione è fondamentale per la democrazia e l'economia dei nostri territori. In Europa si decide il nostro futuro, si stanziano milioni di euro per lo sviluppo ed è giusto che ogni territorio abbia il proprio referente.

Sottoscrivono questo appello:
Michele Pinto - direttore responsabile di VivereSenigallia.it
Alessandro Maria Li Donni - direttore editoriale di VivereOrvieto.com
Giulia Mancinelli - direttore editoriale di VivereMarche.it
Alessia Rossi - direttore editoriale di VivereSanBendetto.it
Laura Rotoloni - direttore editoriale di VivereAncona.it

Parlano di noi:
AnconaToday.it






Questo è un editoriale pubblicato il 18-03-2014 alle 09:52 sul giornale del 19 marzo 2014 - 3213 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, politica, europa, marche, unione europea, umbria, editoriale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Z5q