Falconara: è successo per le giornate Fai di primavera tra Rocca Priora e l'ex Squadra Rialzo

rocca priora falconara 3' di lettura 25/03/2014 - Nel weekend appena trascorso a Falconara si sono registrati circa 5500 visitatori grazie all'adesione alle giornate nazionali del Fai. I tour guidati a Rocca Priora (3.500 visite) e all'ex Officina Manutenzione Veicoli (in gergo tecnico “Squadra Rialzo”) (2.000 visite), i luoghi scelti per accogliere gruppi che, stando alle registrazioni, sono arrivati anche da fuori regione, sono stati il compimento di un lavoro perfetto svolto negli ultimi mesi.

L'Amministrazione comunale è riuscita a mettere in sinergia varie realtà. Il Fondo Ambiente Italia, che promuove le giornate, i privati (la Raffineria Api, proprietaria della Squadra Rialzo, e la famiglia Baldoni, proprietaria della Rocca), le scuole con gli studenti delle galileo Ferraris "apprendisti Ciceroni", gli “Amici del Vapore” e le sue Guide, il Dopolavoro Ferroviario, le imprese con il mercatino dei prodotti a km 0 e le associazioni del Volontariato, in primis il Gruppo Comunale di Protezione Civile, i Vigili del Fuoco Volontari. Un particolare ringraziamento va alla Polizia Municipale, ai Carabinieri della locale Tenenza e agli Operai e Tecnici comunali. Fondamentale anche la collaborazione della Capo Delegazione Provinciale, Arch. Manuela Francesca Panini e delle Delegate Fai Pamela Galeazzi e Monica Manzotti.

“Personalmente mi sono speso molto per realizzare questa iniziativa – spiega il vicesindaco Clemete Rossi -. Rocca Priora, con il suo castello nei pressi del fiume Esino è una realtà consolidata e apprezzata dal pubblico. Ma è sempre suggestiva la visita, percorrendo i suoi camminatoi merlati, l’ antica torre con l’orologio caricato a mano, le vecchie cantine che ti avvolgono con il loro profumo di mosto, la cappella gentilizia austera e deliziosa, il fossato con l’acqua che scorre da secoli, gli splendidi giardini. Ma è anche grande la soddisfazione per quanto riguarda la Squadra Rialzo, vera testimone della fatica di generazione di ferrovieri ed esempio, ancora palpitante di archeologia industriale. L'edificio storico di Villanova è al centro di una complessa vicenda tra Comune, Api e associazione Amici della Trazione a Vapore, Dopolavoro ferroviario per tentare di arrivare alla costituzione di una Fondazione che dia vita al Museo dei Trasporti. Le radici storiche di Falconara, il suo sviluppo economico, è basato sui trasporti ferroviari ma non solo. Spesso lo si dimentica ma è stata proprio la posizione strategica di Falconara, al centro delle Marche, a consentire alla nostra città di svilupparsi e arricchirsi”.

Oggi, all'interno della Squadra Rialzo, edificio tutelato dalla Soprintendenza, sono custoditi mezzi storici del trasporto su ferro e spazi che un domani possono trasformarsi in luoghi d'incontro. “Le idee non mancano – prosegue Rossi - La volontà politica di gestire il processo di trasformazione urbanistica non manca. Il dialogo è aperto e io mi sento impegnato a unire le energie, per dare sostegno questa o altre iniziative di questo genere cercando di rimuovere gli ostacoli, unendo e difendendo il lavoro dei singoli dalla troppo spesso presente burocrazia. Perché è questo, alla fine, il compito della politica, dell'amministratore locale. Fornire indirizzi e promuovere il raggiungimento dello scopo”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2014 alle 17:12 sul giornale del 26 marzo 2014 - 2182 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara marittima, Comune di Falconara Marittima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/1sF


Da anni partecipo alle visite organizzate dal FAI, quest'anno mi sono recata a visitare Rocca Priora, perché vicino casa, ma soprattutto per curiosità. Sono entrata con il primo gruppo di domenica mattina, in TV pubblicizzavano l'iniziativa come iniziativa gratuita
o al limite ad offerta libera cosa che comunque avrei dato volentieri senza chiedermela. Sono rimasta molto male nel momento in cui, già in fila da circa mezz'ora, una delle organizzatrici ha stabilito l'ingresso a minimo 3 euro a persona, anzi se ne davi 5 era pure meglio, in più dovevo rimettermi in fila anche per firmare un registro di presenza, cosa che non ho fatto,per non perdere altro tempo. A questo punto mi domando come mai negli altri siti non ho mai pagato niente e soprattutto questi soldi dove vanno a finire visto che non mi è stata rilasciata neanche una ricevuta per una famiglia a di 5 persone= 15 euro. Visto che mi è stata "chiesta" l'offerta fissa, non avrei avuto diritto a scaricarla sulla dichiarazione di redditi?




logoEV