Pensionato Tambroni. Dopo l'interrogazione chiarita la situazione di macchinari ed arredi abbandonati

almerino mezzolani 1' di lettura Ancona 25/03/2014 - Vicenda del Pensionato Tambroni di Ancona al centro dell'interrogazione presentata dal Consigliere regionale Pd, Gianluca Busilacchi, Presidente della Commissione Salute.

L'atto era volto a constatare se corrispondeva a vero che macchinari e altri beni mobili (arredi, attrezzature) siano stati lasciati depauperare nella struttura in abbandono, come riportato, invece che recuperarli e spostarli in altre strutture funzionanti.

L'assessore Mezzolani ha risposto oggi in Consiglio regionale, affermando che tutti i macchinari e le attrezzature funzionanti sono già state messe in sicurezza e riutilizzate, e che i beni depositati ad oggi nella struttura sono materiali non più utilizzabili e derivanti dalla chiusura di altre strutture, che quindi non sarebbero comunque recuperabili in alcun modo. Busilacchi ha ringraziato l'assessore per aver chiarito questo aspetto così importante in un momento di grandi difficoltà economiche.

La vicenda del pensionato Tambroni di Posatora (Ancona), inizia il 13 dicembre 2005 ed è dichiarato immediatamente inagibile in quanto realizzato "con gravi vizi strutturali" come indicato nella perizia del tribunale nella quale si legge che "il fabbricato non è agibile per problemi legati alla sicurezza statica delle sue parti. Su questa vicenda è ancora in corso un procedimento giudiziario.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2014 alle 17:28 sul giornale del 26 marzo 2014 - 1037 letture

In questo articolo si parla di attualità, marche, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/1sM