Il Sottosegretario di Stato Gabriele Toccafondi in visita al Volterra-Elia

Gabriele Toccafondi Sottosegretario di Stato 1' di lettura Ancona 27/03/2014 - Nomi illustri all’Istituto di Istruzione Superiore Volterra-Elia. Venerdì 28 marzo arriva ad Ancona il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Gabriele Toccafondi.

Questi sarà ospite all’Istituto per incontrare studenti e docenti e visitare in particolar modo il nuovo Laboratorio di Simulazione Navale, conoscendo nel contempo progetti particolarmente innovativi realizzati per il mondo del lavoro. Un momento estremamente significativo per l’intero Istituto, un’ennesima testimonianza dell’eccellenza dell’offerta formativa griffata Volterra-Elia.

Le radici di questa visita così rilevante possono risalire allo scorso anno, quando fu inaugurato il Laboratorio di Simulazione Navale, nato anche grazie all’intervento del Ministero dell’Istruzione – così il dirigente scolastico del Volterra-Elia Patrizia Cuppini -. Il Sottosegretario di Stato Toccafondi verrà a vedere tale Laboratorio, unico nella Costa Adriatica e tra i più evoluti in Italia”.

Il Volterra è stato infatti autorizzato dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto a rilasciare le certificazioni richieste dai moderni codici di navigazione internazionale; per questo il Laboratorio è di estremo interesse per molti operatori del mare, come ad esempio gli ormeggiatori; sarà utile anche all’industria cantieristica oltre che per addestrare i nuovi comandanti del futuro.

“Il Sottosegretario di Stato dedicherà il suo tempo per visitare l’Itis Volterra e sono sicura che il nostro istituto non lo deluderà. Siamo scuola di eccellenza nel Club dei 15, unica nel centro-sud, dotati di molteplici infrastrutture, un elevato livello di innovazione e un fortissimo legame con il territorio e il mondo del lavoro. Il nostro, insomma, può essere ritenuto un modello che speriamo possa far vincere l’intera scuola tecnica”.


da Patrizia Cuppini
    Dirigente Istituto Volterra Elia







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-03-2014 alle 16:10 sul giornale del 28 marzo 2014 - 3777 letture

In questo articolo si parla di attualità, istituto volterra elia, Patrizia Cuppini, gabriele toccafondi, sottosegretario di stato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/1zU


In Ancona è scattata la "guerra commerciale" fra le scuole superiori per convogliare nuovi utenti verso l'iscrizione (oggi così sono chiamati i nostri ragazzi futuri cittadini di quello che resterà di questo paese allo sbando) ed allora vai con le pulizie straodinarie di vetri e finestre al "VOLTERRA ELIA" per la visita del sottosegretario(così riferitomi da un'amica con un figlio li studente), raccolta fondi per i poveri e visita scambio con delegazione cinese per il Liceo RINALDINI, GAME... per il Liceo scientifico SAVOIA, ...., sembrerebbe che sul territorio ci siamo solo scuole d'elite e con attività straordinarie ma fortunatamente all' ISTVAS cade una lavagna addosso ad una studentessa di diciasette anni (che fortunatamente non risulta aver riportato danni seri) e la vera immagine della scuola italiana, e locale, torna ad essere quello che è: il sessanta per cento delle scuole non è a norma e mancano materiali e fondi per le attività basilari altro che sperimentazioni e "avanguardisti" e "giovani italiane" schierati.

GIUSEPPE CUOMO

28 marzo, 20:07
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Le iscrizioni hanno una prima scadenza a febbraio ma poi ci sono le correzioni nell'attribuzione delle classi determinate dalle possibilità di cambiamento di idea da parte degli studenti tramite passerelle (soprattutto dopo la riforma che ha reso più similiari i programmi del biennio aumentando la specializzazione nei trienni finali).
I dirigenti tecnici sono così pochi nel MIUR che difficilmente riescono a fare ispezioni tutt'al più fanno delle visite di cortesie nelle scuole soprattutto quelle principali o polo. Altre, le minori, spesso non ricevono visite per lustri.
Ad amor del vero questa situazione è analoga a quella di altre strutture ministeriali.
Comunque tutta questa foga significa solo che che non ho sbagliato più di tanto nel descrivere la situazione del mondo della scuola generale e locale solo che qualcuno non riesce a riderci sopra (un riso sardonico ovviamente). Mi sono informato la serietà della scuola comunque è stata salvata nel caso non ci sono state le canzoncine di benvenuto come per RENZI in Sicilia. Niente non è.

GIUSEPPE CUOMO

13 aprile, 10:37
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Gentile Giuseppe,
i commenti scritti in MAIUSCOLO sono considerati urlati e pertanto sconsigliati.




logoEV