Degrado Urbano: Il presidente Gitto, AnconAmbiente non torna indietro su quanto espresso

Antonio Gitto 1' di lettura Ancona 28/03/2014 - AnconAmbiente non torna indietro su quanto espresso alcuni giorni fa in merito al grave livello di incuria cittadina e di disinteresse di buona parte dei residenti verso il decoro urbano.

E’ lo stesso Presidente Antonio Gitto a rimarcare la posizione dell’azienda dopo le affermazioni di un consigliere comunale riportate oggi a mezzo stampa. “Simili dichiarazioni giustificano implicitamente l’inciviltà ormai diffusa in questa città. Noi che ogni giorno ci misuriamo con la gestione del servizio, potremmo raccontare innumerevoli episodi a testimonianza di un disamore costante di cittadini e commercianti verso il rispetto del territorio e verso il rispetto di un’azienda che, nonostante le difficoltà, cerca di rimediare ogni giorno agli abbandoni ingiustificati garantendo comunque il servizio ordinario”.

Il sistema di raccolta attraverso il modulo Igenio è stato messo a regime per rispondere a criteri ben precisi, evitando lo stazionamento fisso di contenitori in alcune aree sensibili per struttura urbanistica e funzionalità alle utenze.

“Non è colpevolizzando un sistema di raccolta che si porta l’attenzione su un problema serio come il decoro cittadino: non c’è alcun legame tra il senso di civiltà e le modalità di conferimento dei rifiuti, chi capisce il valore di un territorio curato non cerca giustificazioni per coprire la propria irresponsabilità. Le facili demagogie portano a facili consensi – seppur nel breve periodo – ma non contribuiscono a risollevare la consapevolezza di ciascuno nell’interesse comune di una collettività”, conclude Gitto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-03-2014 alle 12:21 sul giornale del 29 marzo 2014 - 1926 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, provincia di ancona, ancona, Anconambiente, antonio gitto, infrastrutture

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/1Dw


Che cosa ci si può aspettare da un esponente della casta politica nominato solo perchè facente parte dell'incestuosa alleanza che ha vinto le amministrative lo scorso anno?
Piuttosto di guardare dentro casa e vedere le nefandezze che nel tempo sono state fatte dentro ANCONAMBIENTE, già oggetto di varie inchieste giudiziarie con alcune condanne per amministratori e dirigenti, da la colpa ai cittadini che pagano la tasse per lo smaltimento dei rifiuti fra le più elevate d'italia per poi avere dei sistemi di raccolta vergognosi come IGIENIO, pulizie delle caditoie non adeguate ed infatti ci sono continuti allagamenti, ....se servono parliamo anche dei sistemi di assunzione in azienda visto che di continuo vengono annullate le procedure, ... ma ci faccia il piacere perchè comprendiamo che qualcosa deve pur fare nella vita per mangiare ma visto che la scelta della sua carica è dettata da motivi politici e non professionali stia zitto e ci risparmi certi apprezzamenti visto che "mangia dai nostri soldi".