contatore accessi free

Ancona da l'addio al Pergolesi, ma l'opposizione non ci sta. "Sindaco rottamatore". Il video

5' di lettura Ancona 17/09/2014 - Ancona da l'addio al Pergolesi con il mancato sblocco di risorse per 100 mila euro, ma l'opposizione non ci sta. E' questo quanto sostenuto da i rappresentanti della Tua Ancona, Sessantacento, Sinistra Ecologia e Libertà, il M5S, Forza Italia e NCD con il secondo ordine del Giorno presentato martedì in sede di consiglio e ribadito oggi, mercoledì, in una conferenza stampa. Il video dell'intervento di Francesco Rubini (Sel) in rappresentanza dell'opposizione.

Non sarebbe possibile da parte dell'Amministrazione comunale sbloccare i 100 mila euro promessi, e messi a bilancio, per salvare le sorti dell'Istituto musicale Pergolesi di Ancona. E' per questo che l'opposizione tutta si è stretta, da Sel al NCD fino al M5S e le Civiche, per chiedere che questa scuola, eccellenza della città di Ancona, non venga chiusa. "Una storia che ha dell'incredibile e a dirlo è la stessa Camilletti, il commissario incaricato che non fa parte nè del M5S, nè de La tua Ancona, ma anzi del Pd" ha detto a margine della conferenza Italo D'Angelo de La Tua Ancona che ha parlato della Mancinelli come un "Sindaco rottamatore con assessori part time".

Dopo un consiglio momotematico, un secondo ordine del giorno da parte dell'opposizione, nonchè i 175 mila euro stanziati da Ministero il Comune di Ancona ha suonato il 'De prufundis' dando forfait. Una delusione per studenti che forse decideranno di proseguire sempre nelle Marche a Fermo, ma anche motivo di licenziamenti per dipendenti ed insegnati.

"Negare questo budget è fare una scelta politica - ha rimarcato Francesco Rubini di Sel - diamo altri mesi di ossigeno al Pergolesi, evitiamo una chiusura". Di Istituti pareggiati in Italia se ne contano 22 e tra questi Ancona sarebbe l'unico a non aveve sostegno da parte del Comune.

"Ieri la maggioranza ha tolto definitivamente la maschere - ha proseguito Andrea Quattrini - Ancona vuole azzerare la cultura ed il Pergolesi è solo l'ultimo tassello. Con Marche Teatro hanno già cancellato la Lirica: Jesi ha già tre opere in cartellone, mentre ad Ancona corre la notizia di due dipendenti dello Stabile, nonostante le rassicurazioni del Sindaco. Chi vuole far cultura deve andare via da Ancona, dove si continua solo a pagare gli avvocati. Consiglio di andare vestiti in toga e magari i soldi c'è li avranno" ha scherzato amareggiato il consigliere d'opposizione.

"Dire che costa di meno mandarli a Fermo - ha aggiunto Stefano Tombolini di Sessantacento - è una follia, dovrebbero dire si impegnano a mantenere questa eccellenza. La scuola è un servizio fondamentale ed inoltre mi addolora vedere una maggioranza afflitta dal sindaco di Ancona. C'è un 'pessimismo urbano', il Sindaco affonda iniziative una dopo l'altra". Dall'opposizione inoltre viene il suggerimento di fare rete con gli altri Afam, gli istituti pareggiati d'Italia per sollecitare l'ulteriore intervento del Governo.

Si danno soldi - dicono dai banchi dell'opposizione - alla Politecnica per fare programmi di sviluppo per Area Vasta e Area Metropolitana, per il patrimonio munumentale, ma qui - ribadiscono - si tratta di mantenere l'educazione della città. Ed intanto 'cantano' le 649 firme raccolte lo scorso febbraio, quando emerse la questione del mancato pagamento degli stipendi agli insegnanti del Pergolesi.

D'angelo parla di "varianti ad personam, di tasse al massimo". La Tasi ad Ancona dall'anno prossimo aumenterà dal 3.3 per mille al 4.1 e poi c'è la polemica sulla variante ex cardiologico Lancisi che stando all'opposizione sarebbe un bel regalo per la Regione. "Ieri abbimo approvato una variante che permette di mettere a bilancio da parte della Regione un patrimonio che vale di più. Un regalo per la Regione. Lo stesso è stato per il Metropolitan con la variante per pubblica utilità. L'amministrazione sta facendo solo grandi spot a partire dal supermanager di Torino e non solo. Abbiamo una università con cinque facoltà, un Rettore che pare abbia soldi per comprare l'ex mutilatini e non abbiamo esperti?Una città dove si spartiscono le partecipate secondo il metodo Cencelli." Si è chiesto D'Angelo.

L'opposizione punta ancora il dito su "Sindaco e Giunta part-time" che non hanno mantenuto le promesse date, i 100 mila euro messi a bilancio per il Pergolesi che oggi mancano all'appello anche dopo la richiesta del Commissario Straordinario, Maria Grazia Camilletti. E ora l'unica richiesta che l'opposizione può fare è che si inverta il ragionamento e che si dia al Pergolesi questa speranza. Il Ministero stanzierà, con molta probabilità, altre risorse solo se il Comune di Ancona intervverà dal momento che Regione e Provincia si sono tirate fuori e con le quali l'opposizione vorrebberro rientrare in trattativa.

"Il comune di Ancona ha ricavi per 100 mila euro all'anno - ha precisato tirando le somme il grillino Andrea Quattrini - diciamo solo che si possono fare altre scelte. Magari dicendo no alle super consulenze". E' necessario, come ha detto in conclusione Tombolini parlando anche di mancanza da parte del Comune di un "controllo di gestione fatto con logica aziendale", "trovare un metodo che faccia riasparmiare".








Questo è un articolo pubblicato il 17-09-2014 alle 15:58 sul giornale del 18 settembre 2014 - 2602 letture

In questo articolo si parla di politica, redazione, ancona, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/9QN





logoEV
logoEV