contatore accessi free

Trafugano rame dalle tombe. E' successo a Tavernelle

cimitero 2' di lettura Ancona 19/09/2014 - Anche il Cimitero di Tavernelle nel mirino dei cercatori di 'oro rosso'. Ladri trafugano rame dalle tombe. Tutt'ora in corso le indagini da parte della Polizia.

Si potrebbe dire che neanche i morti possono stare più in pace. Ladri di rame, con molta probabilità nella notte di giovedì, hanno fatto visita ad un cimitero di Ancona. Sul posto nella mattina di venerdì sono accorsi gli Agenti di polizia, dove ignoti hanno asportato numerosi oggetti dalle strutture delle tombe a Tavernelle: grondaie, canaline e discendenti pluviali ovviemente tutto rigorosamente di rame, il cosidetto 'oro rosso'. Tutt'ora in corso le indagini da parte della Polizia.

Nè sono mancati i controlli da parte dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico diretto dal Vice Questore Aggiunto, Cinzia Nicolini. Le Volanti hanno setacciato alcune zone cittadine frequentate da clandestini, irregolari, pregiudicati tra Piano San Lazzaro, Archi, Montagnola e Torrette. Proprio in quest'ultimo quartiere sono stati rintracciati nei pressi dell'Ospedale regionale quattro pregiudicati, due italiani e due rumeni, che sono stati denunciati per la violazione del Foglio di Via Obbligatorio di cui erano gravati. I quattro sono stati accompagnati in Questura e, dopo essere stati deferiti, sono stati sottoposti all'allontanamento dalla città.

Nella notte di giovedì i poliziotti intervenuti in Via De Gasperi per un lite tra un uomo ed una donna, hanno denunciato un romeno di 24 anni per oltraggio, resistenza a pubblico ufficiale e minacce. Il giovane si è opposto all'identificazione aggredendo gli Agenti che si sono difesi con tecniche di autodifesa riuscendo così a cavarsela senza riportare contusioni.


Nel corso di un controllo effettuato venerdì mattina intorno alle 10.30 nel quartiere Montagnola, gli Agenti hanno proceduto all'identificazione di un uomo che chiedeva l'elemosina ad un incrocio semaforico. L'uomo, un romeno di 51 anni, senza fissa dimora, è stato condotto in Questura e denunciato per il possesso di un coltello di genere proibito della lunghezza di circa 15 cm, che portava in tasca e che è stato sequestrato.






Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2014 alle 19:40 sul giornale del 20 settembre 2014 - 1597 letture

In questo articolo si parla di redazione, ancona, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/9Zj





logoEV
logoEV