Saperi e poteri, un incontro con il prof. della Sapienza Giovanni Solimine

2' di lettura Ancona 05/10/2014 - Prosegue alla biblioteca Benincasa il ciclo di incontri su tematiche di attualità in ambito culturale e psicosociale, intitolato “Saperi e poteri: dalla logica della proprietà alla cultura della condivisione”.

L'iniziativa è condotta dalla Biblioteca stessa insieme alla libreria Feltrinelli di Ancona e l’AIB (Associazione Italiana Biblioteche) sezione Marche. Lunedì prossimo 6 Ottobre, Giovanni Solimine, docente presso l’Università di Roma La Sapienza, direttore della Scuola di specializzazione in beni archivistici e librari e autore di “Senza sapere” (Laterza), guiderà un incontro sullo stato della vita culturale di oggi nel nostro paese, sulla politica della conoscenza, sull’importanza dell’investimento in formazione per creare degli spunti per la costruzione del nostro futuro e sull'avvenire della gestione di servizi bibliotecari, di biblioteche digitali, di cultura editoriale e promozione della lettura.

Questo ciclo di eventi intende portare al centro dell'attenzione pubblica l'importanza di un accesso democratico alle informazioni e di un sapere condiviso che - sul piano educativo, culturale e ricreativo - conservi il suo spirito critico per incidere sulla realtà modificando gli equilibri di potere presenti che orientano l'opinione pubblica. Fine comune a tutte le conferenze in programma è stimolare nella cittadinanza una presa di consapevolezza rispetto alla differenza che intercorre tra cultura/informazione come intrattenimento passivo e cultura/ informazione come partecipazione democratica alla vita collettiva. La logica della proprietà instaura, nella vita economica e in quella della comunicazione pubblica, una separazione netta tra chi detiene il potere di plasmare ideologicamente la realtà comune e chi, privo di strumenti di analisi, fruisce della narrazione imposta da determinati centri di interesse.

Una cultura democratica non può che invertire questa tendenza – mai così evidente come in questi mesi segnati da gravi e arbitrarie omissioni da parte dei mezzi di informazione sulle questioni internazionali – rivendicando una logica della condivisione che sia trasformazione consapevole dei rapporti umani in una società complessa ridotta impropriamente a società di mercato. Tutte le conferenze mirano a stimolare in chi ascolta una messa in discussione rispetto ai modi abituali di accedere alla cultura e alle informazioni, proponendo modalità alternative di crescita collettiva e individuale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-10-2014 alle 15:43 sul giornale del 06 ottobre 2014 - 986 letture

In questo articolo si parla di cultura, ancona, comune di ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/0Cj





logoEV