Numana: furto nella zona industriale. Nei guai due foggiani residenti a Loreto

carabinieri 2' di lettura 12/10/2014 - Furto nella zona industriale di Numana. A finire nei guai due foggiani residenti a Loreto. Oltre all'arresto scatta il foglio di via da Numana e Sirolo.

Durante il controllo nella zona industriale “Cian" di Numana, intorno alle 18, i Carabinieri una volta giunti presso la “Dueci", ditta specializzata nella produzione di materiale informatico che risultava di proprietà di un'azienda di Cesena, i militari sorprendevano ed arrestavano all’interno dell’azienda due pregiudicati pugliesi. Si tratta del 47enne Mario Bozzino e del 25enne Santino Cristalli. Entrambi foggiani residenti a Loreto.

I due arrestati erano riusciti a penetrare all’interno della ditta dopo aver forzato il cancello d’ingresso ed una porta posteriore d’accesso interno, venendo scoperti in flagranza di reato mentre erano intenti ad asportare cavi elettrici in rame dai macchinari e dall’impianto elettrico. Pertanto i due venivano ammanettati e condotti presso la locale caserma per i successivi adempimenti di legge presso la Compagnia Carabinieri di Osimo, mentre la refurtiva veniva recuperata e restituita al titolare della società.

Informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, il Sostituto procuratore Andrea Laurino, confermava l’avvenuto arresto dei pregiudicati foggiani per furto aggravato in concorso disponendo la misura cautelare degli arresti domiciliari, in attesa del rito direttisimo. Arresti poi convalidati con il rinvio dell’udienza al prossimo 29 ottobre. A carico dei pregiudicati, l’Arma di Numana procedeva altresì alla redazione ed inoltro alla Questura di Ancona della misura di prevenzione per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio dai comuni di Numana e Sirolo.

Sopreso, invece, intorno alle 19:30 di venerdì, sempre dagli stessi militari di Numana, in località “Taunus" uno sconosciuto che si aggirava nei pressi di alcune villette. Dopo un controllo, l'uomo veniva condotto in caserma ed identificato. E' qui che per A.A. nato in Pakistan, classe 1984 nulla da fare poichè, sebbene incensurato, risultava clandestino sul territorio nazionale. Al termine degli accertamenti l’extracomunitario veniva denunciato in Stato di Libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona.








Questo è un articolo pubblicato il 12-10-2014 alle 15:49 sul giornale del 13 ottobre 2014 - 995 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, redazione, ancona, numana, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/0Xc





logoEV