contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Mercato delle erbe, partito un primo intervento di riqualificazione

1' di lettura
1676

mercato delle erbe
Facendo seguito alle istanze degli operatori, incontrati nelle scorse settimane, dall'assessore alle manutenzioni, Stefano Foresi, l'Amministrazione ha approvato alcuni primi interventi per il Mercato delle Erbe per limitare il vandalismo e il degrado.

Infatti, gli addetti del settore hanno ripristinato le quattro telecamere interne alla struttura, così da consentire una continua videosorveglianza della stessa così da essere monitorata costantemente sia all'interno che all'esterno, in quest’ultimo caso grazie anche alle 2 telecamere brandeggianti installate nell’ottobre scorso Inoltre è stato sistemato il bagno degli operatori, ubicato al primo piano, ora più funzionale alle esigenze di chi lavora in questo spazio. Approvato anche l’atto relativo alla sostituzione dei vetri rotti della facciata che da su corso Mazzini. A partire da dopo Pasqua, inoltre, l'Amministrazione ha disposto la chiusura pomeridiana, a partire dalle ore 15.00, del primo piano del Mercato. Infatti durante il pomeriggio soltanto due operatori restano aperti e sono situati al piano terra.

“In questo modo – spiega l'assessore alle manutenzioni, Stefano Foresi, vieteremo l'accesso al piano superiore, eliminando episodi di bivacco e occasioni di degrado che si sono registrati in questi mesi, soprattutto lato via Magenta. Non solo. Abbiamo chiesto alla Polizia Municipale ma anche alla Questura di incrementare i passaggi nella zona della pattuglie in maniera tale che la presenza funga anche da deterrente per i malintenzionati”.

“Siamo consapevoli – prosegue e conclude Foresi – che il Mercato delle Erbe rappresenta un patrimonio storico e architettonico importante in questa città e del quale dobbiamo avere sempre più cura. Per questo motivo ringrazio gli operatori per il loro impegno nel mantenere costantemente dignitoso questo mercato”.



mercato delle erbe

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-03-2015 alle 16:39 sul giornale del 31 marzo 2015 - 1676 letture