contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Quattrini (M5S): Conerobus, alcune precisazioni

2' di lettura
1070

Andrea Quattrini

Alcune precisazioni su cio' che e' accaduto nel Consiglio comunale su Conerobus, visto che ho letto sulla stampa alcune notizie inesatte.

Innanzitutto, il voto del MoVimento 5 Stelle e' stato favorevole alle mozioni di Sel (qualcuno ha scritto erroneamente che ci siamo astenuti) e di Berardinelli, mentre ci siamo astenuti alla mozione della maggioranza. La discriminante tra le varie mozioni e' molto semplice: gli atti presentati da Sel e Berardinelli chiedevano alla Giunta di non vendere le azioni di Conerobus, mentre quello della maggioranza di approfondire i particolari della gara di affidamento del servizio TPL e di valorizzare Conerobus, senza escludere la vendita delle azioni. Su quest'ultimo documento ci siamo astenuti perche', al di la' delle apprezzabili dichiarazioni della capogruppo Pd Pistelli, che ha verbalmente rivendicato un ruolo del Consiglio comunale nell'approfondimento della questione, in realta' il documento coinvolge formalmente il Consiglio comunale solo nella decisione finale e nulla vieta, quindi, al Sindaco di presentarsi in Consiglio a cose fatte, escludendo come al solito il Consiglio dal processo decisionale. Riteniamo positiva la firma de La Tua Ancona sul documento della maggioranza, in quanto riteniamo che, avendoci messa la faccia, faranno di tutto per evitare la solita presa in giro da parte del Sindaco nei confronti del Consiglio comunale.

Prima della votazione dei suddetti atti, si sono riuniti i capigruppo di maggioranza ed opposizione ove ho cercato una mediazione per presentare un documento unico da votare all'unanimita'. Il tentativo non ha portato risultati in quanto la capogruppo Pd si e' opposta ad inserire nel suo documento una frase che escludesse la vendita delle quote di Conerobus. Quindi, anche la notizia letta oggi sui giornali secondo cui il Pd sarebbe contrario alla privatizzazione di Conerobus non e' esatta, perche' se non ritiene di escludere la vendita delle quote, non puo' escluderne la privatizzazione dato che la vendita puo' essere fatta solo mediante gara pubblica e non si puo' sapere a priori se vincera' un'azienda pubblica o privata.



Andrea Quattrini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2015 alle 15:09 sul giornale del 01 aprile 2015 - 1070 letture