contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Tenta di rubare soldi a Torrette. Sopreso dai un dipendente e poi denunciato

2' di lettura
1046

ospedale torrette
Ha tentato il colpaccio dopo essersi introdotto a Torrette. Sopreso dai un dipendente, rintracciato dalla Polizia e poi denunciato.

Giovedì pomeriggio, verso le ore 16.00, mentre una pattuglia della Squadra Volante svolgeva l’attività di controllo del territorio a Torrette, veniva fermata da un uomo che chiedeva aiuto alla Polizia di Stato. L’uomo raccontava ai poliziotti che aveva riconosciuto, in via Esino, una persona che pochi giorni fa si era introdotto nella struttura di un presidio ospedaliero insieme al suo cane che teneva al guinzaglio e aveva cercato di rubare la borsa di un dipendente.

I poliziotti raccoglievano tutte le informazioni utili per identificare l’individuo, e incominciavano a perlustrare tutta la zona fino ad accorgersi che in prossimità di un semaforo, vi era un uomo che corrispondeva alla descrizione fisica fornita dal dipendente sanitario e che aveva al seguito anche un cane. Immediatamente fermato, l’uomo veniva identificato: un cittadino italiano, residente in provincia, classe 1975, con una fedina penale già sporca, soprattutto per reati contro il patrimonio.

Accompagnato negli Uffici della Questura e messo alle strette, il 40enne non ha potuto far altro che ammettere di essersi introdotto nel presidio sanitario e di aver frugato nelle borse riposte nella stanza del personale dipendente nella speranza di trovare soldi o oggetti di valore, aggiungendo che non aveva avuto “fortuna”, in quanto in nessuna di esse vi erano portafogli. Scoraggiato, riferiva agli agenti delle Volanti, di aver cercato subito l’uscita, tentando di dileguarsi, senza destare sospetti, dal momento che era stato anche sorpreso da un dipendente. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria.

Inoltre, giovedì sera, poco prima della mezzanotte, un equipaggio della Squadra Volante constatava la presenza di tre cittadini rumeni, due uomini trentenne e una donna di 45 anni che stavano posizionando dei materassi nei pressi del parcheggio dell’ospedale Riuniti di Ancona. I tre, non accorgendosi della Polizia di Stato, stavano approntando i loro giacigli, stendendo a terra dei vecchi e malconci materassi e spiegando delle coperte, riunendo, inoltre, tutti i loro stracci per costruire dei cuscini di fortuna. Immediatamente i poliziotti intervenivano e identificavano i tre cittadini rumeni, tutti senza fissa dimora e privi di alcuna attività lavorativa, tutti già muniti di un divieto di far ritorno nella città di Ancona, firmato dal Questore. Portati in Questura, sono stati tutti denunciati.

Le pantere inoltre nelle ultime 24 ore hanno denunciato 4 persone, controllate 79, 37 gli stranieri identificati, 24 i veicoli ispezionati e 148 le chiamate ricevute al 113.



ospedale torrette

Questo è un articolo pubblicato il 16-05-2015 alle 01:03 sul giornale del 16 maggio 2015 - 1046 letture