contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Commissione Conerobus, Quattrini (M5S): "Chi può avere interesse a spargere pessimismo sull’azienda?"

3' di lettura
917

Andrea Quattrini
Si è svolta oggi la Commissione consiliare su Conerobus, volta ad ottenere chiarimenti sulla situazione finanziaria che sembrava critica in base a dichiarazioni lette sulla stampa.

In realtà i dati di bilancio presentati in Commissione, sia la bozza al 31/12/2014 che il budget 2015, non appaiono evidenziare una situazione allarmante. Il 2014 dovrebbe chiudere con un passivo in linea con l’anno precedente, salvo un ulteriore perdita per oneri straordinari, non connessi alla gestione caratteristica dell’azienda. Il 2015, l’anno in cui qualcuno sta paventando il mancato pagamento degli stipendi, dovrebbe addirittura chiudere in utile. Certo, qualche piccola criticità finanziaria esiste, ma non sembra tale da pregiudicare il regolare pagamento degli stipendi e il buon andamento dell’azienda, come invece qualcuno vorrebbe far credere. Ed è proprio questo il punto: chi può avere interesse a spargere pessimismo sull’azienda? Forse chi vorrebbe convincere i dipendenti e la cittadinanza che sia opportuno vendere le quote di Conerobus detenute dal Comune di Ancona al miglior offerente? Ciò che invece deve far riflettere è il ruolo della Regione, o meglio, di ciò che ha fatto la Giunta Spacca-Pd per il Trasporto Pubblico Locale. E’ emerso durante la Commissione che il bando di gara regionale, previsto per il 30/9/2015 e preparato dalla Regione, prevede l’obbligo per i partecipanti di fare determinati investimenti nel parco automezzi/autobus: per Conerobus, significherebbe acquistare circa 60 nuovi mezzi. Contestualmente, la Regione ha già ridotto drasticamente i contributi per tutta la Regione. In base ad alcuni calcoli esposti dagli amministratori di Conerobus, i ridotti contributi regionali sarebbero sufficienti solo per l’acquisto di un paio di nuovi autobus.

Quindi, il bando preparato dagli ex amici Spacca e Pd (pronti a rimettersi assieme dopo le elezioni), da un lato obbliga l’azienda pubblica come Conerobus ad acquistare 60 mezzi per partecipare al bando, mentre dall’altro gli riduce drasticamente il contributo per non permettergli l’acquisto. Sarà per preparare la strada all’ingresso ai privati? E cosa succederà ai 450 dipendenti di Conerobus? Saranno tutelati o dovranno subire le storture del jobs act? E cosa accadrà ai pendolari ed agli studenti? L'eventuale privatizzazione li tutelerà o li sacrificherà alle logiche del profitto e del mercato?

Nella giornata di ieri, assieme al Consigliere D'Angelo, abbiamo chiesto informalmente al Presidente della Commissione Urbanistica Matteo Vichi di convocare a stretto giro una Commissione per approfondire le problematiche relative alla realizzazione del centro raccolta rifiuti a Posatora, emerse anche in una recente assemblea organizzata dai residenti del quartiere. Abbiamo saputo che ieri, finalmente, al Consigliere Rubini sono stati consegnati gli atti relativi al progetto che aveva chiesto da circa un mese. Confidiamo che in Commissione possano emergere tutte le criticità per poter adottare le necessarie misure correttive a tutela dell'ambiente e dei cittadini, in particolare dei residenti.



Andrea Quattrini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2015 alle 00:20 sul giornale del 23 maggio 2015 - 917 letture