Anche i Comunisti contro la soppressione della Stazione di Ancona Marittima

stazione marittima di Ancona 1' di lettura Ancona 06/08/2015 - Non può essere che in quattro e quattr'otto venga decisa la chiusura della Stazione Marittima e buttati via gli investimenti fatti finora per la metropolitana di superficie.

Prima la Sindaca lancia l’invito alla cittadinanza a “StrategicAncona” il 26 settembre prossimo per “decidere insieme l'Ancona del futuro” e ora si decide lo smantellamento di una Stazione ferroviaria, che è appunto strategica, sulla testa della città? Strategica perché parte del piano della metropolitana di superficie su cui si sono già spesi molti soldi e perché rende un servizio a cittadini e studenti che tutti i giorni utilizzano la linea per arrivare fino in centro, con minor carico di traffico nelle strade di Ancona e minor inquinamento. Il diktat di Ferrovie e Autorità portuale va respinto, ai problemi tecnici posti vanno trovate soluzioni, che non impoveriscano e penalizzino la città. La stazione marittima non va soppressa.


da Loretta Boni
PdCI ANCONA Sez.”T.Modotti”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2015 alle 15:44 sul giornale del 07 agosto 2015 - 794 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pdci, ancona, loretta boni, PdCI ancona, Pdci Sez.T.Modotti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/amVQ





logoEV