Disperso in mare, le ricerche ancora senza esito

esercitazione di ricerca e soccorso in mare “SEASUBSAREX” 2013 guardia costiera di Pesaro 1' di lettura Ancona 08/08/2015 - Continuano senza sosta le ricerche del sub che da giovedì sera risulta disperso in mare. Le condizioni meteo favorevoli hanno permesso alla Guardia Costiera di utilizzare nel migliore dei modi tutta la strumentazione aereonavale e subacquea a disposizione.

I risultati non sono stati quelli sperati. Dell’uomo, Alessandro Pandolfi, un fabrianese di quarantacinque anni dipendente delle Cartiere Fedrigoni ed esperto apneista, conosciuto a livelo nazionale, non risulta ancora nessuna traccia. Si era allontanato con il suo gommone ormeggiato alla Marina Dorica di Ancona nel pomeriggio, per dedicarsi alla pesca subacquea in apnea. Tardando a rientrare, però, i familiari preoccupati hanno dato l’allarme. Subito iniziate le ricerche nella notte tra il 6 e il 7 agosto, sono proseguite sino al calar della sera di venerdì.

Sono quindi riprese nella mattina di sabato (8 agosto) da parte di Guardia Costiera e Guardia di Finanza, questa volta anche con l’aiuto di un veivolo del terzo Nucleo Aereo della Guardia Costiera distaccato presso l’aeroporto di Pescara. Una componente subacquea dei vigili del fuoco è intervenuta con un “robot filoguidato” a ridosso della piattaforma off-shore “Clara Ovest” dell’ENI per scandagliare il fondale circostante la struttura nel raggio di cento metri. Tutte le operazioni sono monitorate costantemente dal Reparto Operativo della Direzione Marittima di Ancona.


di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 08-08-2015 alle 10:23 sul giornale del 10 agosto 2015 - 1479 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesaro, mare, esercitazione, emergenza in mare, soccorso in mare, guardia costiera di pesaro, seasubsarex, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/amZD