contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Stazione Marittima, per il M5S una questione privata del Pd anconetano

2' di lettura
753

Andrea Quattrini

Commissione flop sulla Stazione Marittima: oltre all’impossibilità di intervento di esperti ed associazioni, a causa del rifiuto dei Presidenti di Commissione Vichi e Fagioli di procedere agli inviti come richiesto dai Consiglieri di opposizione, hanno dato forfeit anche i rappresentanti dell’Autorità Portuale e di RFI nonostante l’invito inviato "fuori tempo massimo" dai Presidenti di Commissione.

La ragione è evidente: la maggioranza della Giunta Mancinelli non ha voluto affrontare un dibattito tecnico alla presenza di esperti perché in realtà non esistono problemi tecnici al mantenimento in vita della Stazione Marittima, ma si tratta solo ed esclusivamente di una decisione politica del Pd a livello comunale e regionale. Il bluff è stato scoperto quando si è appreso dall’Assessore Simonella che non le risulta esistere alcun documento dell’Agenzia per la Sicurezza che detta le prescrizioni di nuovi passaggi a livello, bensì si tratterebbe dell’applicazione di misure di sicurezza previste nel Regolamento del 2009.

Peccato che tutti gli addetti ai lavori che abbiamo interpellato, e che erano disponibili ad intervenire in Commissione, ci abbiano detto che queste misure non sono affatto stringenti come vorrebbe far credere il Comune. Un esperto si è presentato ugualmente in Commissione per ascoltare, ma non gli è stato permesso di parlare neanche quando l’Assessore ha espresso dubbi su questioni tecniche. Quindi, nonostante le questioni di sicurezza siano in realtà risibili, nonostante ci siano mezzi per implementare i servizi per i pendolari, che a questo punto potrebbero essere indotti ad abbandonare definitivamente i mezzi su gomma, nonostante gli oltre 4 milioni di euro spesi negli ultimi anni per le infrastrutture che sono altamente efficienti, la Mancinelli e Ceriscioli hanno deciso di chiudere la Stazione Marittima per motivi che, a questo punto, ci sono ignoti, ma sicuramente penalizzanti per tutti quei cittadini marchigiani ed anconetani che utilizzano i treni per la Stazione Marittima che noi vogliamo salvaguardare.



Andrea Quattrini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-09-2015 alle 17:06 sul giornale del 29 settembre 2015 - 753 letture