contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Irregolarità nelle operazioni societarie di Multiservizi con Estra, Quattrini chiede le dimissioni di Milani

2' di lettura
1223

Andrea Quattrini

La rivelazione del Consigliere Berardinelli dell’esistenza di un parere del Collegio dei Revisori del Comune di Ancona su presunte irregolarità nelle operazioni societarie che hanno dato origine allo scorporo del ramo della gestione delle reti gas di Multiservizi e alla costituzione di EDMA Spa, le avevamo puntualmente denunciate durante il Consiglio comunale del dicembre 2013 che ha dato il via libera ad un’operazione così impattante nelle finanze del Comune di Ancona e degli altri Comuni della Provincia, senza che i Consiglieri comunali abbiano avuto modo di valutare alcun numero sulle conseguenze economico finanziarie per l’Ente.

Preoccupati della situazione, avevamo anche richiesto un parere scritto al Segretario Generale del Comune di Ancona in quanto l’atto presentato tutto sembrava fuorché un atto di “mero” indirizzo, dove l’utilizzo della parola “mero” sembrava un escamotage per evitare il parere tecnico contabile da parte dei Dirigenti. Avevamo coinvolto anche alcuni Consiglieri, sia del MoVimento 5 Stelle che di altri partiti di opposizione, presenti negli altri Comuni della Provincia di Ancona affinché ponessero lo stesso quesito ai Segretari Generali degli altri Comuni e la risposta fu sorprendente: in tutti i Comuni retti dal centro sinistra la risposta era stata simile a quella del Segretario Generale del Comune di Ancona, mentre in quelli di centro destra, come Jesi e Falconara Marittima, l’atto era stato modificato per renderlo conforme alla Legge. In Consiglio comunale ponemmo la richiesta di sospensiva proprio per questo motivo e ci fu bocciata dai Consiglieri di maggioranza. Ora che anche il Collegio dei Revisori ci dà ragione, i dubbi sono quasi certezze che tutta l’operazione societaria di Multiservizi con ESTRA sia nata in modo irregolare.

Grave anche l'atteggiamento del Presidente del Consiglio Milani che non ha trasmesso il parere al Consiglio: dopo questo ennesimo affronto ai Consiglieri comunali che per regolamento dovrebbe tutelare, le sue dimissioni sembrano d'obbligo. Arroganza e sprezzo delle regole sono ormai nel dna del Pd in tutte le Marche ed è ora che i cittadini si rendano conto che sono stati ingannati con sorrisi e false promesse per svendere i servizi di acqua gas e rifiuti e darli in mano ai soliti amici degli amici.



Andrea Quattrini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-09-2015 alle 15:31 sul giornale del 01 ottobre 2015 - 1223 letture